Osimo

Castelfidardo, il premio “Mastri fidardensi” della fisarmonica a Socrate Cipolletti

Cipolletti, oggi 94enne, per oltre mezzo secolo, ha collaborato con numerose aziende del settore della fisarmonica, insegnando e formando numerosi giovani, nell’intraprendere il difficile mestiere dell’accordatura

A destra, Socrtae Cipolletti con Maximiliano Ciucciomei

CASTELFIDARDO – Patria degli strumenti musicali e della fisarmonica in particolare, Castelfidardo quest’anno ha voluto riconoscere un premio importante per chi si è speso fisicamente e per una vita intera per lo strumento ad ancia, portando avanti e facendo grande il nome della città in tutto il mondo attraverso i suoi prodotti. È stato consegnato un riconoscimento speciale, denominato, “Mastri fidardensi”, a Socrate Cipolletti, personaggio che, per oltre mezzo secolo, ha collaborato con numerose aziende del settore della fisarmonica, insegnando e formando numerosi giovani, nell’intraprendere il difficile mestiere dell’accordatura.

A 96 anni, grato e molto emozionato, ha ricevuto il premio. Il connubio tra amore, passione e predisposizione naturale, combinati al suo infallibile orecchio, l’hanno reso ricercato da grandi fisarmonicisti come Peppino Principe, Paolo Gandolfi, Mario Barigazzi (Barimar) e William Fornaciari, solo per citarne alcuni tra i più noti. Il premio è stato ideato e concesso dal signor Maximiliano Ciucciomei, titolare dell’azienda Maxim’s group, produttrice dei marchi Settimio Soprani, Sonola, Crucianelli e Frontalini, onorata di premiare un personaggio così rappresentativo che segnato la storia della fisarmonica nella comunità fidardense. «Per me per primo è stata una grande emozione poter accompagnare il signor Cipolletti a ritirare il premio – dice Ciucciomei -. Il presente non è nulla senza il passato, dobbiamo farne tesoro».

Il conferimento del premio rientra nell’ambito del Pif, il Premio internazionale della fisarmonica, una cinque giorni dedicata alla musica che si è appena conclusa a Castelfidardo. Quest’anno il Festival è tornato in presenza dopo la pandemia e ha registrato numeri da record nonostante tutto per un’edizione, la 46esima, che nel complesso ha registrato un grande successo di presenze e indotto economico per la città.

Ti potrebbero interessare

Castelfidardo, Serena Dandini apre la rassegna “Non a voce sola”

L’assessore Cittadini: «Siamo lieti di entrare a far parte del prestigioso circuito di questa rassegna e di elevare l’offerta culturale del nostro pacchetto di eventi estivi con il carisma di un’artista capace di sviscerare con leggerezza ed ironia temi complessi ed importanti»

Castelfidardo, torna la “Fisarmonica run”

Una tradizione podistica resa possibile dall’impegno dell’Atletica Amatori Avis. Alla classica competizione di corsa su strada regionale valida per il Grand Prix Master Fidal Marche, si abbinano le due camminate ludico-motorie aperte a tutti