Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Castelfidardo, il Premio internazionale della fisarmonica si farà

In tanti, musicisti e appassionati d’Italia e del mondo, hanno mandato mail in queste ore al comitato che organizza il festival prestigioso per avere notizie. Per ora è la data è confermata, dal 16 al 20 settembre

L'orchestra d'archi del teatro Tosti di Ortona
L'orchestra d'archi del teatro Tosti di Ortona

CASTELFIDARDO – Il Pif, Premio internazionale della fisarmonica, resta confermato dal 16 al 20 settembre. Castelfidardo, con le sue aziende di strumenti musicali, ha intenzione di rimanere il centro mondiale della fisarmonica. In tanti, musicisti e appassionati d’Italia e del mondo, hanno mandato mail in queste ore al comitato che organizza il festival prestigioso per avere conferme.

«Il nostro impegno è totale per garantire un’edizione interessante e ricca dei valori che la contraddistingue da sempre, anche se dovremo combattere una battaglia con le difficoltà oggettive e burocratiche che il momento impone – dicono gli organizzatori -. Maestri, scuole di musica, artisti e amanti dello strumento più bello del mondo ci stanno dimostrando che siamo incredibilmente uniti per preservare quanto più possibile la tradizione degli anni passati. Al momento rimangono confermate le date con la promessa di un aggiornamento costante sul nostro sito. Se ci saranno le condizioni faremo una edizione integrale, se invece non sarà possibile organizzeremo soltanto eventi in sicurezza e in luoghi sicuri».

Al momento confermano il Concorso di composizione classica, che quest’anno si rivolge alla fisarmonica solista con ensemble di fiati, percussioni, contrabbasso e pianoforte e ispirata al tema del festival “Tutti i colori del mondo”. La giuria sarà composta come sempre da compositori, concertisti e direttori d’orchestra, nomi d’eccellenza come Friederic Lips (Russia) presidente, Franck Angelis (Francia), Livio Bollani (Italia), Antonio Cericola (Italia), Gorka Hermosa (Spagna), Bete Ilin (Macedonia), Pascale Martinez (Francia), Petri Makkonen (Finlandia), Massimiliano Pitocco (Italia), Volodymyr Runchak (Ucraina), Simona Simonini (Italia), Peter Soave (Usa). La data di chiusura delle iscrizioni è stata posticipata al 10 maggio.

Ci sarà anche il libro “Fisarmonica, i colori che verranno”, in corso di realizzazione attraverso la selezione di contributi di valore che aderiscono al tema, la promozione e la diffusione di idee per la fisarmonica del futuro.