Castelfidardo, picchiata dal compagno fugge in strada

Quando la donna è stata soccorsa, aveva una ferita in volto da cui usciva del sangue. Un fidardense le si è approcciato vedendola in quello stato per soccorrerla. L'episodio è accaduto venerdì 30 agosto

CASTELFIDARDO – Il compagno l’aveva picchiata ed era stata costretta a fuggire. Quando l’hanno soccorsa aveva una ferita al volto da cui usciva del sangue. Un fidardense le si è approcciato vedendola in quello stato per soccorrerla e capire che cosa era successo. Ci sono stati momenti di forte agitazione venerdì scorso, 30 agosto, nei pressi del centro di Castelfidardo, in via Soprani. Sul posto è arrivata una pattuglia dei carabinieri, contattata proprio dal gruppetto di persone che, richiamate dal pianto della donna, le si sono avvicinate nei pressi del piccolo bar all’incrocio per via Matteotti.

La donna sarebbe scappata dall’albergo “La ginestra” a pochi metri da lì dove si trovava con il suo compagno. È corsa via a piedi con gli abiti che aveva addosso. La coppia, sulla quarantina, non sarebbe nuova ad episodi simili. La donna infatti avrebbe subito più volte il comportamento violento del compagno. Venerdì scorso (30 agosto), però, è stato raggiunto l’apice.

Al culmine dell’ennesima lite per futili motivi ha ricominciato a picchiarla in maniera violenta provocandole lesioni al volto. Lei non ce l’ha fatta più e ha raccontato tutto ai militari. Potrebbe essere formalizzata a breve la denuncia nei confronti dell’uomo. Era confusa quando sono arrivati i carabinieri ma ha spiegato con parole chiare quello che le stava accadendo da diverso tempo.

Di chiamate per episodi simili, per maltrattamenti avvenuti tra le mura domestiche, ce ne sono state tante quest’estate e su tutti gli episodi stanno indagando le forze dell’ordine.