Osimo

Castelfidardo, folla all’addio a Caterina

Si sono tenuti oggi pomeriggio nella chiesa Collegiata della sua Castelfidardo i funerali di Caterina Governatori, 21enne deceduta in un tragico incidente giovedì scorso. Il parroco ha ringraziato i genitori per aver acconsentito all'espianto degli organi

Il momento dell'uscita della bara dalla chiesa

CASTELFIDARDO – Erano in tantissimi oggi pomeriggio a dare l’addio a Caterina Governatori, la dolce 21enne di Castelfidardo deceduta in un tragico incidente stradale esattamente una settimana fa a Recanati. La chiesa centrale della Collegiata a malapena riusciva a contenere tutti.

«Domenica eravamo noi quattro a pregare attorno a lei all’ospedale – ha detto don Andrea Cesarini dal pulpito, che ha officiato la messa con don Bruno Bottaluscio, rivolgendosi al papà Giordano, alla mamma Maria Luisa e al fratello Alessandro -. Grazie per la testimonianza di fede che avete dato. Verrà presto una domenica in cui starete di nuovo tutti insieme. E grazie per l’umanità, per aver concesso l’espianto degli organi. Otto giovani continueranno a vivere grazie a lei. Adesso siete i genitori di tutti. Io la ricordo molto sensibile, discreta, mai sopra le righe, attenta e presentissima. Faceva dei piccoli gesti di bene nascosti, gesti che i suoi compagni di classe hanno apprezzato e che mi hanno raccontato. Quando a casa c’era un dolce buono lo condivideva sempre con i suoi amici. Durante la scorsa festa del papà ha lasciato un biglietto per lui con su scritto: “Ricordati che la fortuna è importante ma la famiglia lo è di più”. Tanti genitori hanno condiviso il travaglio in queste ore. Perché una vita spezzata a 21 anni? Perché non potevamo incontrarci ancora in chiesa per altri momenti felici con lei? Il Signore l’ha chiamata alla vita eterna».

Straziante la lettera dell’amica d’infanzia letta dal pulpito accanto a un gruppetto di coetanee vicine da sempre a Caterina, in lacrime: «Ricorderemo la tua determinazione, la tua bontà, il tuo mettere gli altri sempre al primo posto. Rimarranno impressi nella nostra mente le mega merende che tanto ti piacevano, i giri con il motorino, i canti a squarciagola. Se siamo un gruppo lo dobbiamo solo a te. Non ti lasceremo sola ma tu non lasciarci soli».

La messa di ottavario si celebrerà lunedì alle 18.15 nella chiesa del Cerretano.

Ti potrebbero interessare

Castelfidardo, Serena Dandini apre la rassegna “Non a voce sola”

L’assessore Cittadini: «Siamo lieti di entrare a far parte del prestigioso circuito di questa rassegna e di elevare l’offerta culturale del nostro pacchetto di eventi estivi con il carisma di un’artista capace di sviscerare con leggerezza ed ironia temi complessi ed importanti»

Castelfidardo, torna la “Fisarmonica run”

Una tradizione podistica resa possibile dall’impegno dell’Atletica Amatori Avis. Alla classica competizione di corsa su strada regionale valida per il Grand Prix Master Fidal Marche, si abbinano le due camminate ludico-motorie aperte a tutti