Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Osimo, buoni spesa alimentari: centinaia le domande già presentate

È partita la consegna a domicilio dei primi voucher, in risposta all'emergenza Coronavirus. A Castelfidardo c’è tempo fino a lunedì 6 aprile per inoltrare la richiesta (anche via whatsapp). Il sindaco Ascani: «Abbiamo previsto aiuti per 440 famiglie»

OSIMO – «Gli uffici stanno ricevendo numerose telefonate e le assistenti sociali stanno lavorando a ritmo serrato per soddisfare tutto in tempi veloci». La vicesindaco di Osimo Paola Andreoni fa il punto della situazione  sui buoni spesa che verranno erogati dal Comune alle famiglie più bisognose, per una cifra totale di circa 193 mila euro. «Dal 1° aprile è stato già possibile per i cittadini osimani presentare la domanda anche attraverso l’email assistente.sociale@comune.osimo.an.it e ad oggi sono arrivate più di 100 domande – spiega la Andreoni –. Le richieste vengono analizzate dagli assistenti sociali, viene fatta una telefonata al richiedente e viene svolto un controllo di tipo amministrativo. Effettuate queste operazioni, viene stabilita l’entità del Buono da assegnare che viene recapitato al domicilio del richiedente mediante la Croce Rossa e La Confraternita della Misericordia. Un primo pacchetto di consegne è già stato effettuato venerdì 3 aprile, il prossimo sarà effettuato mercoledì 8 aprile».

Ad Osimo i buoni spesa hanno un valore di 50 euro ciascuno e l’importo erogato varia da un minimo di 150 a un massimo di 500 euro a seconda del numero dei componenti il nucleo familiare. Il buono sarà valido per tutto il mese di aprile e potrà essere utilizzato negli esercizi commerciali della città che aderiscono all’iniziativa (l’elenco si trova sul sito del Comune).

Anche a Castelfidardo sono arrivate le prime domande da parte dei cittadini interessati. «Fino a venerdì sono pervenute circa 130 richieste – fa sapere il sindaco Roberto Ascani – con i fondi a disposizione abbiamo previsto aiuti per circa 440 famiglie a 250 euro di media per ciascun nucleo familiare». Le domande a Castelfidardo dovranno essere consegnate entro le ore 14 di lunedì 6 aprile, ma «se non verrà esaurito il fondo – specifica Ascani – faremo una o più riaperture del bando». La cifra a disposizione dal Comune fidardense è di 110 mila euro (risorse statali), che potrà essere aumentata attraverso le donazioni liberali dei cittadini.

Le domande potranno essere inviate anche tramite whatsapp (al numero 3357182840), oppure via email (buonospesa@comune.castelfidardo.an.it) o con consegna a mano previo appuntamento telefonico ai numeri 0717829355 o 3357182840 (dalle ore 8 alle ore 14). I buoni spesa saranno consegnati direttamente agli interessati da parte del corpo di Polizia Locale, dei volontari del gruppo comunale di protezione civile e della Croce Verde.