Centro Pagina - cronaca e attualità

Osimo

Addio ad Adriano Menghini: i ricordi di amici e compagni di viaggio

Il tifoso dell'Anconitana, con una passione anche per il Milan, è deceduto nei giorni scorsi a Civitanova. Poesie e aneddoti degli amici lo hanno ricordato in queste ultime ore

Adriano Menghini
Adriano Menghini, storico volto dell'Ancona Club Castelfidardo, morto all'età di 68 anni

CASTELFIDARDO- Il tifo per l’Anconitana, che ha seguito nei campi del professionismo in casa e in trasferta, la passione per il Milan, la cura delle amicizie e della voglia di stare insieme. È morto a 68 anni Adriano Menghini, volto storico del Club Castelfidardo, a causa di un malore improvviso che lo sconfitto definitivamente all’ospedale di Civitanova Marche strappandolo all’affetto della moglie e dei suoi cari.

Nella funzione celebrata nel giorno di Pasquetta a Castelfidardo, sua città Natale, non sono mancati gli omaggi da parte degli amici e compagni di viaggio che ne hanno condiviso una vita intera tra spalti e quotidianità. Marco Trillini, insegnante di nuoto per disabili, gli ha dedicato ad esempio una bellissima poesia: «Venire al mondo nel vasto universo. Vivere grazie al calore degli altri. Ricambiare. Mescolare i colori per fare nuova bellezza. Riunire gli amici. Dire l’amore. Rendere felici i bambini, sereni i più vecchi. Dire un ultimo addio. E malgrado la fragilità. Resistere».

Commosso anche il pensiero dell’amico fraterno Adriano Marziani: «In Serie B, Serie C e anche nelle altre categorie siamo stati ovunque al seguito dell’Ancona. Partivamo la mattina, ci organizzavamo per stare a pranzo insieme quasi che la partita fosse una scusa per vivere l’amicizia che ci univa a tutti quanti. Abbiamo tenuto per anni un circolo Acli solo per avere una stanza dove riunirci e dove portare avanti le attività del club. Adriano era una persona umile, tranquilla, sempre disponibile e sempre pronta a collaborare e dare una mano. Si sentivo vivo quando c’era un problema e lui dava tutto se stesso per cercare di risolverlo. E spesso e volentieri ci riusciva».

Non sono mancati gli attestati di stima anche sui social dove ognuno ha voluto lasciare un pensiero per l’indimenticato Menghini. A stringersi intorno a lui e alla sua famiglia, anche se non aveva figli, sono stati tifosi di tutte le generazioni a testimonianza della bontà di quanto fatto in vita. I funerali si sono celebrati, come detto, ieri (5 aprile) nel rispetto della normativa anti-Coronavirus.