Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Verde e arredi urbani a Montecassiano, iniziato il restyling dei giovanissimi

Il progetto "Cistoaffarefatica" è coordinato dal CSV e finanziata dalla Regione Marche. Il sindaco Catena: «Decisivo riconoscere il ruolo fondamentale delle giovani generazioni»

MONTECASSIANO – Il Comune di Montecassiano anche quest’anno aderisce al progetto dedicato ai giovanissimi “Cistoaffarefatica”. L’iniziativa, finanziata dalla Regione Marche e coordinata da CSV Marche, è rivolta a giovani volenterosi che, con curiosità ed entusiasmo e soprattutto senso di cura e rispetto per il bene comune, si impegnano in opere di manutenzione di arredi urbani, giochi dei giardini e spazi pubblici.

Ecco quindi che da ieri – 4 luglio – i montecassianesi possono vedere nei luoghi pubblici del paese la squadra di ragazzi con la maglietta rossa caratteristica del progetto darsi da fare sotto la guida di volontari esperti che insegnano loro le tecniche di lavoro.

«Il progetto “Cistoaffarefatica” ha lo scopo di far avvicinare i giovani al senso civico e all’amore per le cose di tutti – afferma il vicesindaco Katia Acciarresi – e, attraverso il lavoro svolto in collaborazione con i volontari esperti, a creare un dialogo costruttivo e stimolante fra generazioni».

Anche il sindaco Leonardo Catena è intervenuto con parole di apprezzamento per l’iniziativa: «In questi tempi complessi e che generano disorientamento è decisivo riconoscere il ruolo fondamentale delle giovani generazioni, questo genere di azioni è fondamentale per dare fiducia ai nostri ragazzi che praticano azioni di cittadinanza attiva e rappresentano una risorsa indispensabile per ricostruire il Paese. Insieme al progetto “Fermenti in Comune”, cofinanziato dall’Anci e dal Comune e che verrà a breve avviato, l’amministrazione comunale sta investendo con convinzione nelle politiche giovanili segnando una differenza rispetto al passato dove si guardava con scarso interesse alla questione. Se non ripartiamo dai giovani l’Italia non ha futuro. Ascoltiamoli e diamogli fiducia e spazio e loro affermeranno il loro senso civico, le loro capacità, la loro voglia di cambiare il mondo per renderlo più sostenibile e più giusto».