Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Tragedia sugli sci, il sindaco di Civitanova ricorda Cristina Cesari

Città sotto choc per la morte della 25enne a Madonna di Campiglio. Il primo cittadino Ciarapica: «La tua vita si è spezzata quando avrebbe dovuto spiccare il volo verso il futuro»

Nel riquadro la giovane deceduta a Madonna di Campiglio

CIVITANOVA – Tornerà oggi pomeriggio nella sua città natale Cristina Cesari, la 25enne di Civitanova morta a Madonna di Campiglio lo scorso venerdì (14 febbraio) dopo una brutta caduta sugli sci avvenuta il giorno prima.

I funerali della ragazza si terranno domani mattina, 19 febbraio, alle 10 presso la chiesa di Santa Maria Ausiliatrice.

Cristina, venerdì, si trovava in montagna con un gruppo di amici quando è avvenuta la brutta caduta proprio mente stava sciando; la 25enne ha fatto un volo di circa una decina di metri e ha poi perso i sensi. Subito è stato lanciato l’allarme e l’elisoccorso ha trasferito la ragazza all’ospedale Santa Chiara di Trento dove è morta la mattina seguente. I genitori hanno deciso di donare gli organi.

La 25enne Cristina Cesari

Cristina lavorava in una compagnia di assicurazione ed era molto amante della montagna. Una notizia che ha gettato nello sconforto tutta la comunità. «Civitanova piange ancora per una giovane vita volata via troppo in fretta per un tragico incidente sugli sci – le parole del sindaco Fabrizio Ciarapica -. Dolcissima Cristina la tua vita si è spezzata troppo presto, proprio quando avrebbe dovuto spiccare il volo verso il futuro. È lacerante per me padre pensare allo strazio dei genitori ai quali va un grande e commosso grazie per la forza di un gesto d’amore capace di trasformare il momento di dolore più grande nella speranza di vita per gli altri. Cristina e il suo splendido sorriso mancherà a tutti noi ma lei vivrà nelle persone a cui ha ridato la gioia della vita. A nome mio, dell’amministrazione e della città, mi unisco alla famiglia in un sincero abbraccio, facendole sentire forte il nostro affetto e la nostra vicinanza».