Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Il Grand Tour delle Marche fa tappa a Castelraimondo per l’Infiorata

Sarà Gioacchino Bonsignore, caporedattore del TG 5, a battezzare l’innovativa edizione 2020. Previsto anche uno speciale contributo online dell’archistar Mario Cucinella. Ecco le iniziative

L'infiorata a Castelraimondo (foto di archivio)

MACERATA – Dopo Gustaporto a Civitanova Marche il Grand Tour delle Marche arriva a Castelraimondo con una tappa dedicata all’arte dei fiori. Sarà Gioacchino Bonsignore, caporedattore del Tg 5, a battezzare l’innovativa edizione 2020. Previsto anche uno speciale contributo on line dell’archistar Mario Cucinella.

Nelle armoniose terre interne del maceratese il 13 e 14 giugno è di scena la suggestione dei fiori che divengono arte, con la tradizionale Infiorata del Corpus Domini, edizione del dopo covid-19. Qui l’amministrazione comunale, in accordo con le tante associazioni di volontariato che da sempre partecipano al rito collettivo della “creazione” di immagini, sacre e non, con petali e biodiversità floreale, vara un’iniziativa del tutto innovativa, nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti.

Anteprima di lusso venerdì 12 giugno al Lanciano Forum, fruibile in diretta su Facebook, con un omaggio alle imprese creative e culturali condotto da Gioacchino Bonsignore, caporedattore del Tg5.

Inoltre, grazie alla rinnovata partnership tra il Grand Tour delle Marche, Banca Mediolanum e Mediolanum Private Banking, il 29 giugno è in programma uno speciale evento online con Mario Cucinella, architetto di fama mondiale e “faro guida” per i valori green e della sostenibilità.

Tappa consolidata del Grand Tour delle Marche, proposto da Tipicità e Anci Marche, quest’anno l’Infiorata si snoda in una “caccia al tesoro” che rifugge gli assembramenti e stimola l’esplorazione del borgo di Castelraimondo alla ricerca dei quadri floreali, dislocati negli angoli più suggestivi del centro storico, con la possibilità di assaggiare le tipicità locali in trattorie e ristoranti, ma anche di soggiornare nelle accoglienti strutture di questo pittoresco territorio adagiato alle pendici dell’Appennino umbro-marchigiano.

Una mappa consente al visitatore di costruirsi l’esclusivo personale percorso di visita tra le venti creazioni realizzate, a partire da sabato mattina, dai sodalizi cittadini. Non un evento quindi, ma una passeggiata esperienziale in tutta sicurezza. E non finisce qui! L’Infiorata quest’anno si vive anche sul web, con la possibilità di “interagire” e scoprire, anche da casa propria, i segreti del “fare arte con la manualità e il fascino dei fiori”.

Sulla piattaforma www.tipicitaexperience.it, infatti, è possibile approfondire i dettagli dei bozzetti e le composizioni finali, ma anche conoscere l’altra novità speciale di questa edizione: le famiglie di Castelraimondo realizzeranno a loro volta dei quadri “fatti in casa”, non solo con i fiori, ma anche con altri materiali, dando libero sfogo alla tradizione con la più ampia creatività!

INFO: 0734.277893, segreteria@tipicita.it.