Macerata

Il terzo polo contro la maggioranza: «Litigano per i posti ma Civitanova ha bisogno di unità»

Luca Doria di Italia Viva e Diego Maddalena di Azione: «Sul CdA del Paolo Ricci solo un balletto di nomi e di contropartite».

Il Consiglio comunale di Civitanova.

CIVITANOVA MARCHE- «Il centrodestra civitanovese sta dando la peggior prova di sé, a cominciare dal Paolo Ricci dove sono state nominate persone non all’altezza dell’incarico. Per governare Civitanova servono unità e sicurezza». Questa la sintesi del pensiero di Luca Doria e Diego Maddalena, rispettivamente coordinatori cittadini di Italia Viva e Azione che accusano la maggioranza di essere litigiosa su troppi fronti e di non avere una visione a lungo termine sulle questioni più importanti. «La coalizione di centro destra che governa Civitanova e che nelle questioni importanti risulta divisa è un insulto alla nostra città. Rispetto a quanto accaduto per l’elezione del CdA del Paolo Ricci ci sentiamo di ricordare che l’Asp in questione si occupa della vita e del benessere delle persone: servirebbero professionisti di spessore per trattare argomenti socio-sanitari. Occorrono merito e competenza. E il nuovo CdA dovrà portare avanti progetti importanti, impiegando rilevanti quantità di fondi pubblici, come la realizzazione della nuova casa di riposo, del centro per l’autismo e per l’Alzheimer. Alcuni di questi progetti nei cinque anni precedenti hanno diviso la maggioranza: per tutto questo servono competenze che non sembrano visibili, almeno scorrendo i curricula dei nuovi membri, nominati a seguito di un balletto di nomi e di contropartite tra liste o addirittura tra singoli esponenti delle liste che compongono una fragile maggioranza, quasi come se si volesse presidiare a tutti i costi con il potere una cassa».

Per Azione e Italia Viva occorrono unità e compattezza per amministrare la città: «La domanda è: può un sindaco governare una città con una maggioranza spaccata? Per noi la risposta è chiara: Civitanova Marche ha bisogno di unità e sicurezza di governo – proseguono – , cose che finora non si sono viste. Il Terzo Polo nelle ultime passate elezioni ha rappresentato in città più del 7% delle preferenze. Un dato impressionante per una forza politica nata alla viglia del confronto elettorale, che ha posto attenzione e urgenza verso l’assistenza residenziale e domiciliare per la popolazione fragile».

Ti potrebbero interessare

Civitanova, albanese ritenuto pericoloso espulso dall’Italia

Giovedì scorso (13 giugno) personale della questura ha accompagnato coattivamente alla frontiera marittima di Ancona, per esodo dal territorio nazionale, un cittadino albanese di 30 anni, in esecuzione di un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale emesso dal Prefetto di Macerata