Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Tampone negativo per il Commissario alla ricostruzione Giovanni Legnini

Era risultato contagiato appena due settimane fa. «Il mio pensiero va alle 635.000 persone positive in tutto il Paese, soprattutto ai tanti che soffrono» ha detto

Il Commissario Straordinario alla Ricostruzione Giovanni Legnini

«È arrivata una bella notizia: sono negativo, il virus è andato via». Il Commissario alla Ricostruzione Giovanni Legnini lo ha annunciato ieri – venerdì 13 novembre – sul suo profilo social dopo che lo scorso 1 novembre era risultato positivo al Covid-19.

LEGGI ANCHE: Il Commissario alla Ricostruzione Giovanni Legnini positivo al Covid-19

«Il mio pensiero va alle 635.000 persone positive in tutto il Paese, soprattutto ai tanti che soffrono – ha detto il Commissario -. Voglio ringraziare i tantissimi che mi hanno scritto e chiamato in questi giorni. Insieme alla mia famiglia, con cui ho condiviso il periodo obbligatorio di isolamento, e con l’aiuto delle tecnologie della comunicazione, abbiamo superato questo periodo senza le sofferenze e la solitudine che purtroppo colpiscono troppe persone contagiate».

Due settimane fa il Commissario Legnini, dopo aver annunciato la sua positività, aveva anche voluto sottolineare che il lavoro per le popolazioni colpite dal sisma del 2016 non si sarebbe interrotto e così è stato. «Il lavoro della struttura commissariale non si è mai interrotto, in virtù dell’impegno di ciascuno dei suoi componenti che voglio ringraziare – ha continuato -. Da oggi potremo portarlo avanti con maggiore consapevolezza anche dei rischi che dobbiamo affrontare e delle cautele da adottare».

«È il momento dell’unità del nostro Paese, soprattutto di chi ha incarichi pubblici e ha il dovere di trasmettere fiducia ma anche responsabilità – ha concluso il Commissario alla ricostruzione -. “La libertà è il virus più contagioso che l’umanità abbia mai conosciuto” (Humphrey): per riconquistarla nella sua pienezza, l’unica via è rispettare le regole di comportamento. Dobbiamo farlo per gli altri, soprattutto i più fragili, e per garantire il futuro del nostro Paese».

Exit mobile version