Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Stop alla Dad, domani tutti in classe a Tolentino. La Prefettura frena il Comune

L'amministrazione si è adeguata alla sollecitazione arrivata dalla Prefettura, sospendendo l'ordinanza che prevedeva la chiusura delle scuole fino al 15 gennaio

TOLENTINO – Stop immediato alla didattica a distanza. Brusco cambio di programma a Tolentino dove, da domani (13 gennaio), gli studenti dovranno tornare in classe a differenza di quanto era stato, invece, deciso dal sindaco Giuseppe Pezzanesi. Il primo cittadino, infatti, visto l’aumento dei contagi delle ultime settimane aveva deciso di tenere chiuse le scuole fino a sabato 15 gennaio, ma la Prefettura è diverso parere.

Da qui la necessità di un dietrofront immediato, arrivato dopo aver «preso atto della disposizione perentoria del Governo centrale confermata dalla nota della Prefettura di Macerata», si legge nella delibera del Comune. Nessuna risposta sarebbe arrivata nemmeno dall’Area Vasta 3 alla domanda fatta relativamente alla situazione dei contagi visto che si «rinvia ad un parere del centro epidemiologico della Regione Marche – aggiunge il Comune -, ma alla luce di tutto questo si è ritenuto di non poter procrastinare l’attuazione di quanto richiesto dal prefetto di Macerata, stante il dilatarsi dei tempi procedurali, a fronte della posizione perentoria del Governo centrale in merito alla riapertura immediata delle scuole, che non vede sulla stessa linea il Comune di Tolentino, ma che viene rispettata (vedasi l’ordinanza di chiusura di tutte le scuole emanata dal presidente della Regione Campania annullata dal Tar)».

Il Comune, quindi, conferma di non essere d’accordo con la riapertura, ma si allinea a quanto richiesto. Per questo è stata emanata una nuova ordinanza per la riapertura di tutti i plessi «con decorrenza dal giorno giovedì 13 gennaio 2022». Secondo i dati registrati oggi dal servizio sanità della Regione, i positivi a Tolentino sono 368 e 380 le persone in isolamento, in calo rispetto a ieri quando i positivi erano 415.

© riproduzione riservata