Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Macerata, lo Sferisterio riparte dai bambini con un Rigoletto in tre versioni

Dal 28 maggio al 2 giugno al via "Macerata Opera Family", con oltre tremila piccoli spettatori che assisteranno agli spettacoli dal palco o dal prato

MACERATA – Oltre tremila bambini con le loro famiglie sono pronti a entrare allo Sferisterio per assistere a uno spettacolo pensato appositamente per loro. Nella stagione del centenario dalla prima opera lirica, infatti, il Macerata Opera Festival ha pensato a una novità ideata proprio per le famiglie con un lungo fine settimana che si terrà da venerdì (28 maggio) a mercoledì (2 giugno) in cui saranno proposti tre titoli ispirati al Rigoletto di Giuseppe Verdi.

«La voglia di tornare alla normalità e far conoscere un’arte così bella ai più piccoli ci ha dato la spinta ad andare avanti nonostante il periodo incerto e già da novembre abbiamo iniziato a lavorare al progetto Macerata Opera Family – ha spiegato l’assessore alla Cultura Cassetta. Per noi è un immenso piacere accogliere questa settimana più di 3mila bambini e accompagnatori che arrivano da tutta la provincia ma anche da fuori. Le opere del Mof parlano di amore e di vicende complesse ma soprattutto affascinanti e oggi abbiamo un grande bisogno di sognare; siamo sicuri che la magia della musica e dell’opera potranno guidarci ed essere un grande sostegno per una ripartenza che aspettiamo da tanto e che non vediamo l’ora di vivere».

Ad aprire la rassegna, venerdì, sabato e domenica, dalle 20.30, sarà “Opera domani” per la scuola primaria e secondaria di primo grado. Allo Sferisterio andrà in scena “Rigoletto. I misteri del teatro”, diretto da Cesare Della Sciucca, con la regia di Manuel Renga e le scene e i costumi di Aurelio Colombo (biglietto 15 euro). Il pubblico sarà coinvolto in una serie di azioni e attività preparate in classe, ma che potranno essere acquisite anche da chi compra i biglietti nei prossimi giorni grazie al “Kit per lo spettatore” che sarà consegnato in biglietteria e che prepara allo spettacolo.

Sabato (alle 10.30 e alle 16.30) e domenica (alle 9.30, 11, 16.30 e 18) si prosegue con “Opera Baby” per i bambini da zero a tre anni si accomoderanno su cuscini e tappeti nella parte del prato, vivendo lo spazio in modo diverso. Per loro andrà in scena “Si gioca e si cresce: ovvero Storia di Gilda e Rigoletto”, con la regia di Eleonora Moro e la drammaturgia musicale di Giorgio Martano (biglietto 5 euro).

Lunedì (alle 18.30), martedì e mercoledì (alle 16.30 e alle 18.30) in scena “Opera Kids” per i bambini da tre a cinque anni andrà in scena “Il guardiano e il buffone ossia Rigoletto (che ride e piange)” con la drammaturgia e regia di Simone Faloppa e Riccardo Olivier in collaborazione con Eco di Fondo, e la drammaturgia musicale di Giorgio Martano, che rileggono la vicenda in un immaginario museo del giocattolo (biglietto 5 euro).

«Sarà davvero una stagione 100% in cui vogliamo occuparci di tutti, a partire dalle famiglie – ha aggiunto la direttrice artistica Barbara Minghetti, presente alla conferenza stampa insieme al sovrintendente Luciano Messi e ai registi degli spettacoli – ed è la prima volta che in Italia viene organizzata un’opera family». La biglietteria in piazza Mazzini è aperta dal martedì al sabato dalle 9 alle 12 e nelle serate di spettacolo, dalle 17 alle 19.