Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Scendono i contagi nel Maceratese. Il sindaco di Caldarola: «Creare isole Covid free nei piccoli Comuni»

Il primo cittadino Luca Giuseppetti ha scritto a Fiugliuolo, Legnini e Saltamartini per illustrare la proposta. Cinque i paesi senza positivi e senza persone in quarantena. Tutti i dati della provincia

L'ospedale di Macerata

MACERATA – Crescono i Comuni Covid free in provincia di Macerata a dimostrazione che il virus continua ad allentare la presa. Secondo l’ultimo report del Servizio sanità della Regione, infatti, ieri (4 maggio) erano cinque i Comuni in cui non sono stati registrati contagi: Colmurano, Fiastra, Gagliole, Monte San Martino e Sefro a cui si aggiungono anche Serravalle, Ripe San Ginesio e Cessapalombo, dove non sono stati riscontrati positivi, ma ci sono ancora alcune persone in quarantena. I positivi totali registrati in provincia, invece, sono circa 1.300, appena 38 nuovi casi in più rispetto al giorno precedente.

Buono l’andamento, con i positivi inferiori a cinque, anche nei Comuni di Valfornace, Ussita, Serrapetrona, Sarnano, Sant’Angelo in Pontano, Poggio San Vicino, Pioraco, Penna San Giovanni, Muccia, Monte Cavallo, Gualdo, Castelsantangelo sul Nera, Camporotondo di Fiastrone, Bolognola, Belforte e Apiro. Proprio per cercare di creare e mantenere aree libere dal virus nei piccoli Comuni, il sindaco di Caldarola, Luca Giuseppetti, ha scritto al commissario straordinario all’emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, al commissario straordinario per la Ricostruzione Giovanni Legnini e all’assessore regionale alla sanità Filippo Saltamartini, per chiedere di creare “Isole Covid free” nei piccoli e piccolissimi Comuni terremotati.

Il sindaco di Caldarola, Luca Giuseppetti

«Basterebbero poche centinaia di dosi, inoculate dai propri medici di famiglia, per creare delle aree libere dal Covid, dove ci si possa spostare, vivere e lavorare in piena tranquillità – spiega Giuseppetti -. Credo molto in questa proposta che potrebbe essere una sorta di apripista per tantissimi altri comuni anche fuori Regione. Noi in modo particolare stiamo vedendo i nostri piccoli paesi rianimarsi grazie alla ricostruzione delle case, ma spesso le ditte provengono da fuori comune o addirittura da altre Regioni. Sapere che in un paese come Caldarola tutti gli abitanti sono vaccinati fa vivere meglio i residenti, che si conoscono tutti, e i lavoratori esterni che sanno di trovarsi in un ambiente sicuro».

Numeri ancora alti, ma in decisa picchiata rispetto alla scorsa settimana a Macerata, dove ieri erano 606 le persone in quarantena, di cui 273 positivi, contro i 306 registrati una settimana fa (27 aprile). A Civitanova, invece, le persone in quarantena ieri erano 308, di cui 111 positive. Si inizia a “vedere la luce in fondo al tunnel” anche negli ospedali, dove scendono i ricoveri: 11 le persone in terapia intensiva al Covid center di Civitanova, 27 quelle in semi-intensiva a cui si aggiungono le 7 ricoverate all’ospedale di Macerata. Quattro, infine, le persone ricoverate al pronto soccorso: due a Macerata e due a Civitanova.