Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Sarnano, il questore Trombadore in visita agli atleti delle Nazionali di scherma

L’incontro in occasione del raduno congiunto delle Nazionali azzurre Olimpica e Paralimpica in vista dei prossimi impegni internazionali

SARNANO – Questa mattina il questore di Macerata Vincenzo Trombadore si è recato in visita a Sarnano dove è in corso il raduno congiunto delle Nazionali azzurre Olimpica e Paralimpica, cominciato domenica scorsa e che si prolungherà fino a sabato in vista dei prossimi impegni internazionali. Il capo della polizia maceratese è stato ricevuto dal sindaco Luca Piergentili e dallo staff tecnico della Nazionale, si è intrattenuto con i fiorettisti e le fiorettiste delle due specialità e in particolare con gli atleti del gruppo sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato tra i quali le fiorettiste Alice Volpi, Erica Cipressa e Martina Favaretto, reduci dal campionato mondiale che si è disputato a Saint Maur (Francia), dove hanno ottenuto vittorie sia nella competizione a squadre sia in quella individuale dove in finale ha prevalso l’olimpionica Alice Volpi.

Il tecnico Eugenio Migliore e il questore Vincenzo Trombadore

Agli atleti delle Fiamme Oro della Polizia che insieme agli altri si stanno allenando sulle pedane del palasport di Sarnano, il questore ha portato i saluti del presidente delle Fiamme Oro della Polizia, il dirigente superiore Francesco Montini. Soddisfazione per la gradita visita è stata espressa dal sindaco Piergentili, dal commissario tecnico della Nazionale olimpica Stefano Cerioni, dal tecnico Simone Vanni (settore paraolimpico e Fiamme Oro della Polizia) e dal tecnico della Nazionale di fioretto Eugenio Migliore, che hanno avuto modo di presentare al questore tutti gli atleti e le atlete che saranno impegnati nei prossimi campionati tra i quali Giorgio Avola (Fiamme Gialle) originario di Modica (RG), stesso paese di cui è originario il questore Trombadore.

Grande assente a Sarnano la campionessa paralimpica, mondiale ed europea in carica di fioretto individuale paralimpico Beatrice Vio (detta Bebe), ferma per un infortunio che però dovrebbe essere recuperato in tempo per i prossimi campionati. Il tecnico Migliore, anche lui originario di Modica (RG), oltre ad illustrare le modalità con cui vengono svolte le sedute di allenamento, ha sottolineato l’importanza dell’allenamento congiunto tra gli atleti delle due nazionali che stanno confrontando le loro esperienze non solo in pedana. Nel congedarsi il questore ha espresso i propri complimenti per il gruppo e lo staff tecnico della Nazionale e ha salutato gli atleti con l’auspicio che i prossimi impegni possano essere l’occasione per regalare ancora tante medaglie alle due Nazionali e all’Italia.