Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Rissa in centro a Porto Recanati: identificate tre persone. Si cercano i complici

I fatti risalgono alla sera del 22 maggio scorso quando, per futili motivi, un gruppetto di giovani è arrivato alle mani in piazza Brancondi. Le indagini svolte dai carabinieri

PORTO RECANATI- Solo nella tarda serata di ieri, 20 giugno, sono stati notificati e perfezionati dai Carabinieri i provvedimenti di divieto di accesso al centro urbano emesso nei confronti di tre soggetti, residenti a Porto Recanati. Sono ritenuti i responsabili della rissa in centro insieme ad ulteriori complici in corso di identificazione.

Porto Recanati, rissa in centro: la vicenda

I fatti risalgono alla sera del 22 maggio scorso quando, per futili motivi, un gruppetto di giovani è arrivato alle mani in piazza Brancondi, tanto da attirare l’attenzione di persone che, incredule, hanno assistito impotenti al fulmineo episodio di violenza, al lancio di oggetti, sedie e bottiglie. Ovviamente, all’arrivo dei carabinieri tutti si erano dileguati.

Questo non ha impedito al personale della Stazione Carabinieri di Porto Recanati di cominciare da subito a raccogliere concreti elementi per la ricostruzione dei fatti e l’dentificazione dei responsabili. L’acquisizione delle testimonianze, insieme alla visione delle immagini degli impianti di videosorveglianza cittadina ed ulteriori filmati acquisiti dai presenti con lo smartphone, hanno consentito di stringere il cerchio intorno ad alcuni ragazzi, già noti ai militari che, pertanto, sono stati deferiti all’autorità giudiziaria maceratese per il reato di rissa aggravata.

Nel contempo, gli investigatori del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Civitanova Marche hanno raccolto elementi che dimostravano la loro pericolosità sociale e proposto alla Questura l’emissione del relativo provvedimento interdittivo che vieta loro l’accesso alle aree di maggiore frequentazione urbana per il periodo di un anno.

Le indagini dei Carabinieri sono ancora in corso, e sono finalizzate all’ identificazione di tutti gli altri partecipanti, mentre sono stati rinforzati i servizi di controllo del territorio a cura della locale Stazione carabinieri, che da sempre costituisce punto di riferimento per la comunità. Per questa pronta risposta il Comandante Provinciale ha espresso un sentito ringraziamento al comandante della compagnia carabinieri Capitano Massimo Amicucci ed al comandante della Stazione, Luogotenente Giuseppino Carbonari.