Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Rischio idrogeologico, oltre due milioni alla provincia di Macerata

I consiglieri Leonardi e Borroni: «Finanzieranno quattro interventi per mettere in sicurezza alcune aree chiave del nostro patrimonio ambientale e paesaggistico, ma anche favorire e facilitare la vita di molti cittadini»

Elena Leonardi, Pierpaolo Borroni

MACERATA – Oltre due milioni per mitigare il rischio idrogeologico grazie a interventi mirati che intesseranno i comuni di Morrovalle, Castelraimondo, San Severino, Montecosaro, Montelupone e Recanati. Ad annunciarli sono i consiglieri regionali Elena Leonardi e Pierpaolo Borroni (Fratelli d’Italia) che spiegano come si andrà a intervenire per mettere in sicurezza un po’ tutta la provincia.

«Oltre 10 milioni di euro sono stati destinati dal Ministero per la Transizione Ecologica a interventi mirati per mitigare il dissesto idrogeologico nelle Marche. Di questi, circa due milioni e mezzo, sono stati destinati alla nostra provincia per quattro interventi principali: alcuni lavori di manutenzione idraulicoforestale del Potenza nei comuni di Castelraimondo e San Severino Marche; la mitigazione del rischio idraulico del fiume Bagnolo a Morrovalle; la mitigazione del rischio idraulico del fosso Cunicchio di Montecosaro; la manutenzione delle arginature e il ripristino della sezione idraulica del Potenza nel territorio tra i comuni di Montelupone e Recanati».

Tutti gli interventi saranno finanziati nei prossimi giorni. «L’assessore regionale all’Ambiente Stefano Aguzzi ha compreso le criticità presenti sul nostro territorio e ha portato sui tavoli nazionali gli interventi necessari da apportare – concludono i due consiglieri -. Questi quattro interventi consentiranno non solo di mettere in sicurezza alcune aree chiave del nostro patrimonio ambientale e paesaggistico, ma anche di favorire e facilitare la vita di molti cittadini e di altrettante attività economiche presenti sulle aree interessante dai provvedimenti».