Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Macerata, riaperto il Multiplex: «Il cinema è svago, finalmente si torna alla normalità»

L'emozione del pubblico nel tornare in sala dopo sette mesi di chiusura imposti dal covid. Capienze ridotte al 50% e mascherine obbligatorie non fermano gli appassionati

MACERATA – C’è chi ha prenotato il posto online e chi non ha perso un attimo, per cui non appena le porte hanno riaperto è passato direttamente a comprare il suo biglietto. Tutto per non perdere l’emozione di tornare al cinema. Anche a Macerata, infatti, a sette mesi dalla chiusura imposta dal Covid, si è potuti tornare ad assaporare l’emozione di tornare in sala. Ieri, 26 maggio, alle 18 hanno riaperto le porte del Multiplex a Piediripa, ma è stato negli spettacoli delle 20 e delle 20.40 che si è avuto il maggiore afflusso di pubblico. Per ora, infatti, non sono previsti altri spettacoli serali per permettere alle persone di rientrare a casa nei tempi previsti dal coprifuoco.

«Ero abituato ad andare al cinema almeno una volta a settimana – racconta Andrea Balducci, in fila per vedere il film “Crudelia” -, per cui farne a meno per sette mesi è stata davvero dura. Il cinema è svago, relax, per me il vero ritorno alla normalità». Diverse le regole da rispettare, ma nessuna ha impedito a tanti maceratesi di tornare a ritrovare la propria passione. La capienza massima è del 50% rispetto a quella autorizzata, ma non si potranno superare i 500 spettatori all’interno di ogni singola sala. Tra una persona e l’altra si dovrà rispettare il distanziamento di un metro, ad eccezione dei componenti di uno stesso nucleo familiare. Ancora chiuso il bar interno alla struttura, che potrà ripartire solo da primo giugno come i ristoranti che potranno riprendere la somministrazione negli spazi interni.

Misurazione della temperatura prima di entrare in sala

«Non aspettavo altro, anche perché studiando cinema, non poter venire in sala è stato davvero difficile – aggiunge Leonardo Ranzuglia -. Venire al cinema è relax, condivisione di un momento con altri e non potevo resistere senza». In questi mesi di chiusura, nella struttura di Piediripa si è approfittato per fare qualche lavoro di restyling: è stata realizzata una biglietteria automatica, aperta la prima sala delle Marche con tecnologia Dolby Atmos per immergersi completamente nei suoni dei film e installato un impianto fotovoltaico.