Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Recanati, dalle olive ascolane all’asado argentino: prelibatezze dal mondo allo Street food festival

Fino a domenica in corso Persiani presenti 18 truck in cui degustare tantissimi prodotti. Non mancheranno birre e divertimento

RECANATI – Corso Persiani cambia veste e, per quattro giorni, si apre alle prelibatezze culinarie di varie parti del mondo. Al via oggi (7 aprile) la prima edizione dello Street Food Festival targato Gente di Strada che porta lungo corso Persiani 18 stand provenienti da tutta Italia e dall’estero, per stupire il pubblico con una vasta gamma di piatti e prodotti tipici.

Ogni truck è stato scrupolosamente selezionato dall’organizzazione, che ormai da anni anima le piazze di tutta Italia portando solo il meglio. Prodotti freschi e genuini, ma anche difficili da reperire sul territorio. In prima linea c’è la vera oliva all’ascolana, preparata alla vecchia maniera con olive raccolte nel territorio piceno, farcite con carni di prima scelta e fritte a puntino. Sul campo anche l’Abruzzo con gli imperdibili arrosticini e la Puglia con l’esclusiva bombetta di Alberobello, uno speciale involtino di capocollo di maiale infilzato nei tradizionali spiedini e farcito con formaggio canestrato. Altre regioni d’Italia arrivano a Recanati portando il top di gamma dei loro prodotti, come la cucina siciliana, che tra cannoli, cassate e arancini delizierà ogni palato e quella calabrese con i tradizionali salumi. Se un occhio guarda alle tradizioni locali, l’altro guarda altrove, al di là dei confini nazionali, arrivando fino al sud America con l’asado argentino e i tacos messicani.

Non mancheranno neppure le birre, ottime artigianali tedesche e ceche. Grande importanza sarà poi data all’estetica, con truck colorati, divertenti e stravaganti, per trasformare corso Persiani in un inedito luogo di incontro dove poter gustare tante prelibatezze in compagnia. Un appuntamento dedicato a un pubblico di tutte le età. Gli stand saranno aperti oggi, domani e sabato dalle 18, mentre domenica già dalle 12.