Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Macerata, al via il progetto “Scuole sicure”. Il sindaco: «Quattro nuove telecamere nelle zone sensibili»

Sono state installate in via Cioci e al terminal degli autobus in piazza Pizzarello. Saranno collegate alla centrale operativa della polizia municipale

MACERATA – La sicurezza degli studenti passa anche attraverso un maggiore controllo. Per questo l’amministrazione comunale di Macerata ha deciso di installare quattro nuove telecamere nella zona di via Cioci e al terminal di piazza Pizzarello che si aggiungono alle 84 già presenti in città, tra telecamere Ocr per la lettura delle targhe e telecamere di contesto, posizionate in luoghi sensibili come i sottopassi.

Macerata, nuove telecamere

Il progetto, per un importo di 16mila euro, è stato interamente coperto grazie a un finanziamento del Ministero dell’Interno e rientra nella programmazione “Scuole sicure”, avviato precedente amministrazione e che ha avuto l’approvazione della Prefettura.

Ora la giunta Parcaroli ha voluto proseguire con l’intento di «contrastare i fenomeni criminosi o di illegalità come quelli legati allo spaccio di sostanze stupefacenti e, in questo periodo di emergenza sanitaria, anche per evidenziare eventuali assembramenti – ha spiegato il sindaco -. Grazie al progetto “Scuole Sicure” avremo un maggiore controllo in luoghi sensibili come quelli del terminal degli autobus e di via Cioci e, in questo modo, implementiamo e rafforziamo il presidio del territorio».

Le quattro telecamere, di cui una installata all’ingresso di piazza Pizzarello sul lato del marciapiede e un’altra davanti al Monumento della Resistenza in via Cioci, sono collegate con la centrale operativa che si trova all’interno del comando della polizia locale. «I punti in cui sono stati posizionati gli occhi elettronici sono stati individuati in accordo con la questura e con tutte le forze di polizia – ha aggiunto il comandante della Municipale, Danilo Doria -. Il monitoraggio permetterà di tenere sotto osservazione sia i fenomeni di spaccio e gli assembramenti, ma anche la viabilità. Le telecamere, infine, sono collegate con le centrali operative oggetto del protocollo d’intesa sottoscritto con la Prefettura».

La centrale operativa nel comando della polizia locale