Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

La musica della natura e delle antiche botteghe nella nuova composizione del recanatese Savoretti

Il percussionista, insieme al flautista Fabio Mina, presenterà sui social il progetto "Two sound portrait". «Suoni mai catalogati, ma se integrati possono dare vita a una nuova forma artistica»

RECANATI – La passione per la musica e la sperimentazione del recanatese Francesco Savoretti (percussionista) e del riminese Fabio Mina (flautista), si uniscono ai suoni della natura e a quelli registrati all’interno delle antiche botteghe, per dare vita a un progetto unico: “Two sound portrait” che verrà presentato per la prima volta questa sera (15 maggio), alle 21, sui canali social dei due musicisti. Un video di circa 30 minuti, montato dal regista Andrea Marinelli, infatti, racconterà le emozioni raccolte. Un progetto innovativo realizzato nell’ambito di “Marche palcoscenico aperto. I mestieri dello spettacolo non si fermano”, promosso dall’assessorato alla cultura della Regione e dall’Amat.

«L’idea è stata quella di fare una ricerca e mettere in relazione i suoni di un ambiente naturale con quelli di una bottega artigianale. Quei suoni marginali, mai catalogati, ma che integrati possono dare vita a una nuova forma compositiva – racconta Savoretti -. Siamo stati a registrare il rumore dell’acqua alle gole dell’Infernaccio, abbiamo visto l’alba a Castelluccio con il risveglio della vallata accompagnato solo dai suoni naturali, in totale assenza dell’intervento umano. Per quanto riguarda le botteghe, invece, siamo stati a Montottone dalla famiglia di vasai Bozzi e, infine, dai ramai di Force».

Il flautista Fabio Mina

Una volta registrati, i suoni sono stati tagliati e amplificati per costruire un canovaccio su cui «io con le percussioni e Fabio con il flauto abbiamo inserito la nostra improvvisazione – aggiunge Savoretti -. Quindi c’è una vera commistione tra la base dei suoni registrati sia naturalistici che delle botteghe e la nostra parte di improvvisazione. Il tutto è stato raccolto in un video di una trentina di minuti, realizzato da Andrea Marinelli, che verrà presentato sabato e successivamente, probabilmente in estate o in autunno, stiamo pensando anche a un disco».

«Lavorare con Francesco e Fabio, due musicisti straordinari, è stata un’esperienza bellissima – aggiunge il regista Marinelli -. Abbiamo attraversato percorsi sonori inediti che portano a riscoprire suoni che spesso diamo per scontati. Ho cercato di non invadere mai il loro percorso creativo, per cui tutto quello che si vedrà nel video è assolutamente reale, saranno le esperienze a parlare, perché a un tratto le parole lasceranno spazio alle sonorità e alla bellezza del lavoro artigianale e dei paesaggi».

Francesco Savoretti e Fabio Mina durante la registrazione dei suoni