Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Mascherine e Green pass, raffica di controlli del Maceratese: multate 25 persone, chiusi due locali

I Carabinieri hanno denunciato una coppia di imprenditori che avevano organizzato una festa con oltre 400 persone. Scoperta una donna che era uscita a fare shopping quando, invece, doveva essere in quarantena

MACERATA – Dalla mega festa con oltre 400 persone organizzata “in barba” alle regole per il contenimento della pandemia e dove si serviva alcol ai minorenni, alla donna sorpresa a fare shopping quando, invece, dove stare in quarantena perché positiva al Covid. Il ponte dell’Immacolata ha visto impegnati i Carabinieri, secondo quanto previsto in accordo con il prefetto Flavio Ferdani, in una serie di controlli per verificare il rispetto sull’utilizzo del super Green pass e delle misure previste per il contenimento della pandemia. Dal 6 all’8 dicembre il certificato verde è stato controllato a 888 persone, 135 gli esercizi commerciali ispezionati, di cui tre sanzionati e due sottoposti a chiusura provvisoria (a Caldarola e Potenza Picena), 25 le multe fatte a persone che non indossavano la mascherina o non erano in possesso del Green pass.

I Carabinieri della Compagnia di Tolentino hanno sanzionato sei persone perché trovate all’interno di locali senza le mascherine. A Caldarola, invece, è stata disposta la chiusura preventiva per cinque giorni di un locale in cui il personale non indossava la mascherina. Dal controllo, inoltre è risultato che non venivano registrate le igienizzazioni giornaliere e non veniva misurata la temperatura ai dipendenti. A San Ginesio, infine, un giovane del posto è stato sanzionato perché scoperto in un locale a consumare senza avere il Green pass rafforzato e il titolare dell’attività è stato denunciato per aver somministrato alcol a un minore di 16 anni.

I Carabinieri della Compagnia di Civitanova, invece, hanno denunciato una coppia di imprenditori di Potenza Picena che hanno organizzato una festa a cui hanno partecipato oltre 400 persone. All’interno del locale sono state anche somministrate bevande alcoliche a minori di 18 anni e non sono state rispettate le regole per il contenimento della pandemia. Disposta la chiusura dell’attività per cinque giorni, contestate 12 sanzioni per il mancato rispetto delle norme anti-Covid ai due proprietari, otto sanzioni ai clienti che non avevano il Green pass e altre tre sanzioni a dipendenti che non indossavano la mascherina. Sempre a Potenza Picena un 15enne è stato denunciato perché trovato in possesso di un coltello di genere proibito.

A Macerata quattro persone sono state denunciate perché sorprese ubriache alla guida, mentre altre due (di cui un minorenne) sono state denunciate per ubriachezza molesta. I Carabinieri della Compagnai di Camerino, insieme a quelli di Matelica, nel corso di un controllo in un cantiere per la ricostruzione post sisma hanno multato tre operai che non avevano la certificazione verde, così come il datore di lavoro perché non ha rispettato le norme previste.

Sabato scorso 4 dicembre, invece, una donna di Castelraimondo è stata denunciata perché scoperta dai Carabinieri a fare shopping, quando invece avrebbe dovuto stare chiusa in casa perché positiva al Covid. I Carabinieri di Visso, infine, hanno denunciato un operaio perché scoperto ubriaco alla guida.