Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Macerata, riaprono le prime palestre: «Clienti tesserati come agonisti»

Francesco Clerico ha riaperto le sue strutture di Tolentino e Trodica e la prossima settimana si ripartirà anche a Macerata. «Era mio dovere preservare il nostro lavoro»

Macerata – Grazie al tesseramento agonistico si può tornare in palestra. Questa la soluzione adottata da Francesco Clerico, titolare delle palestre Robbys di Macerata, Trodica e Tolentino per riuscire a riaprire due delle sue strutture, nonostante il governo non abbia ancora ufficializzato una data unica a livello nazionale.

Così, da ieri pomeriggio, diversi atleti sono tornati ad allenarsi e molti altri clienti sono passati per informarsi e capire quali sono le regole da seguire. Ovviamente tutto è a norma di legge, come spiega Clerico, perché «Secondo gli adempimenti previsti dal decreto del governo, per accedere sarà necessario avere un certificato medico agonistico, che permetterà di tesserarsi nelle nostre sedi e successivamente saremo noi a fare una richiesta di tesseramento allo Csen (Centro sportivo educativo nazionale) per avere la qualifica di atleta agonista».

Così come previsto per altri sport, infatti, gli atleti agonisti possono continuare ad allenarsi, perché questo è propedeutico alla partecipazione di tornei riconosciuti a livello nazionale, anche in zona rossa o arancione. Per ora Clerico ha riaperto le palestre di Trodica e Tolentino ma, viste le richieste, dalla prossima settimana riaprirà anche Macerata.

Le regole all’interno della struttura restano rigide, perché ci si potrà togliere la mascherina solo nel momento dell’allenamento e tutti gli attrezzi usati dovranno essere sanificati dall’atleta dopo l’uso. È previsto anche l’utilizzo degli spogliatoi e delle docce. «Durante la crisi di governo ho aspettato in rispettoso silenzio, auspicando che si agisse con coscienza e giustizia sociale – aggiunge Clerico – ma ogni giorno che passa si accumulano spese che non ci vengono riconosciute, per cui era mio dovere preservare il nostro lavoro in maniera concreta».