Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Macerata da quest’anno diventa “città”: il presidente Mattarella ha firmato il decreto

Si chiude così un percorso che era stato avviato a maggio in consiglio comunale dal presidente dell'assise, Francesco Luciani. «Un importante riconoscimento che ci inorgoglisce profondamente»

Il sindaco Sandro Parcaroli e il presidente del Consiglio, Francesco Luciani

MACERATA – Da quest’anno Macerata non sarà più solo un Comune, ma potrà fregiarsi anche del titolo di “Città”. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, infatti, ha firmato il decreto che conferisce a Macerata il titolo di città e che chiude un percorso, iniziato a maggio dello scorso anno quando il consiglio comunale ha approvato all’unanimità la proposta avanzata dal presidente del Consiglio, Francesco Luciani. Successivamente il sindaco Sandro Parcaroli aveva inviato formale richiesta – corredata da apposita documentazione relativa al tessuto sociale, economico, architettonico e culturale di Macerata – al prefetto Flavio Ferdani che l’aveva, a sua volta, sostenuta e inoltrata al Ministero dell’Interno. Il decreto firmato dal Presidente della Repubblica è arrivato nei giorni scorsi conferendo così, formalmente e ufficialmente, il titolo di “Città” a Macerata.

Storicamente infatti, il Comune di Macerata ha avuto l’attribuzione del titolo di “Città grande” con le Costituzioni egidiane, leggi promulgate a Fano durante il Parlamento convocato il 29 aprile del 1357 dal Cardinale Edigio Albornoz ma mai formalizzate. «Un importante riconoscimento per Macerata che arriva in un periodo non facile per la comunità, ma che ci inorgoglisce profondamente – ha detto il sindaco Sandro Parcaroli –. Il nostro grazie va al presidente del Consiglio Francesco Luciani per aver avviato l’iter, a tutta l’assise cittadina che ha appoggiato la proposta e alle istituzioni locali e nazionali per averla supportata e per aver formalizzato il riconoscimento. La storia e il passato della nostra città sono stati riconosciuti, anche in questa occasione, in modo unanime e anche da ciò partiamo per un nuovo futuro che ci siamo impegnati a costruire».

A esprimere il proprio apprezzamento anche il prefetto Flavio Ferdani che, nei giorni scorsi, ha comunicato la bella notizia all’amministrazione. «È un riconoscimento che riveste di altissimo valore simbolico proprio perché avviene in uno dei periodi più difficili per il nostro paese a causa della gravissima pandemia che continua ad affliggerci – ha commentato -. Il riconoscimento rappresenta per la comunità maceratese non solo un motivo di orgoglio e rafforzamento del senso di appartenenza ma costituisce soprattutto un momento di rigenerata e rinnovata speranza per la crescita di nuove opportunità soprattutto per le nuove generazioni».

«Finalmente per Macerata arriva il formale riconoscimento del titolo di città da parte dal Presidente della Repubblica – ha concluso Luciani -. Un obiettivo che ho fortemente voluto e che, con il sostegno dell’amministrazione e di tutto il consiglio comunale, siamo riusciti a portare a casa. Un ringraziamento va al prefetto che ha condiviso e sostenuto l’iniziativa inoltrandola, al Ministero degli Interni, per la tempestiva istruttoria e, al Presidente della Repubblica, per aver riconosciuto a Macerata il titolo di città. Grazie poi a tutti gli uffici che hanno collaborato e che stanno collaborando per rendere effettivo il passaggio da “Comune” a “Città” e alla dottoressa Laura Mocchegiani per il minuzioso lavoro documentale. Non appena l’emergenza sanitaria lo permetterà, sarà programmato un Consiglio comunale straordinario per formalizzare il riconoscimento all’interno dell’assise cittadina».