Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Macerata, ingressi gratis ai musei fino all’11 maggio. «Le prenotazioni stanno riprendendo»

L'assessore Cassetta: «Siamo pronti con un programma di mostre, laboratori, workshop e incontri fino all’autunno»

Macerata, visitatori in uno dei musei cittadini

MACERATA – I primi visitatori si sono affacciati già in questi giorni, quasi stupiti di poter ritornare a godere di un po’ di cultura, ma nel fine settimana le prenotazioni sono in crescita. C’è voglia di tornare ai musei, di rivedere le collezioni di arte antica e moderna conservate a Palazzo Buonaccorsi e il Comune, proprio per agevolare questa riapertura, ha deciso di prevedere l’ingresso gratuito fino all’11 maggio.

«Le prenotazioni stanno riprendendo bene, abbiamo richieste sia da persone di Macerata che del territorio – racconta Giuliana Pascucci, responsabile del museo -. Fino all’11 maggio l’ingresso sarà gratuito, ma su prenotazione per organizzare la visita in sicurezza. Basta mandare una mail all’indirizzo info@maceratamusei.it. Le persone saranno immediatamente ricontattate per fissare l’appuntamento. Abbiamo diverse richieste per il fine settimana e siamo molto felici di tornare ad accogliere gli utenti».

Dal 7 maggio, poi, oltre alle collezioni di arte antica e moderna e al museo della Carrozza, si potrà anche visitare la mostra dedicata a Tullio Crali. Il museo di Palazzo Buonaccorsi è aperto dal martedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 18. Aperto il venerdì, sabato e domenica, dalle 16 alle 19, anche l’Ecomuseo di Villa Ficana (info e prenotazioni allo 0733/470761).

«Siamo pronti con un programma di mostre, laboratori, workshop e incontri fino all’autunno – aggiunge l’assessore alla Cultura, Katiuscia Cassetta -. Una piacevole sorpresa ci sarà per un uso diverso del cortile di Palazzo Buonaccorsi, centro di tante e interessanti iniziative. Uno spazio aperto alla città e ora, che siamo più sicuri e soprattutto che speriamo di tenere aperto con continuità, terremo informato il nostro pubblico e, ci auguriamo, i tanti turisti che raggiungeranno la nostra città».