Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

La iGuzzini di Recanati: «La nostra azienda a disposizione della campagna vaccinale»

L'annuncio dei proprietari: «Pronti a sostenere i costi relativi alla somministrazione del vaccino e le spese per il personale medico»

RECANATI – In un momento di difficoltà ognuno deve fare la sua parte e la iGuzzini illuminazione, azienda del Gruppo Fagerhult, ha raccolto immediatamente l’invio lanciato anche dal Presidente del Consiglio, Mario Draghi, di compiere azioni concrete a favore della campagna vaccinale, mettendo a disposizione i suoi locali per la vaccinazione.

Una parte degli spazi aziendali, infatti, potranno essere utilizzati come punto vaccinale temporaneo, senza che questo pregiudichi la sicurezza dei dipendenti che no entreranno mai in contatto con l’area interessata.

«Oggi più che mai è importante trasmettere messaggi positivi ed è quello che iGuzzini vuole fare continuando a dare il proprio contributo al contrasto della pandemia – ha dichiarato il presidente emerito Adolfo Guzzini – Solo attraverso la collaborazione di tutti è possibile superare questo momento: ecco perché abbiamo risposto tempestivamente garantendo la nostra massima disponibilità alla chiamata del Governo, forti della consapevolezza del ruolo sociale che l’impresa svolge nei confronti dei dipendenti, delle loro famiglie e del territorio in cui si colloca».

Oltre a mettere a disposizione gli spazi, però, l’azienda è pronta a sostenere tutti i costi relativi alla somministrazione del vaccino, nonché le spese per il personale medico, sanitario e amministrativo. «La salute e la sicurezza delle persone rappresentano la nostra priorità assoluta e, fin dall’inizio dell’emergenza da Covid-19, abbiamo messo in campo tutte le misure necessarie e discrezionali per garantirle – ha commentato Cristiano Venturini, Ceo di iGuzzini illuminazione -. Date queste premesse, abbiamo accolto con grande animo l’appello del Governo fornendo la nostra piena disponibilità a sostenere la campagna vaccinale per tutelare la salute della nostra comunità».