Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Guidava l’auto durante il grave incidente in cui morì il marito: patteggia 10 mesi

Difesa dall'avvocato Canafoglia, la donna ha contestato sia la velocità dell'altro mezzo coinvolto, sia la mancata cura del verde nell'incrocio in cui morì lo storico gestore del Caffè del Teatro di Ostra

Il grave incidente stradale a Pollenza di Macerata del 30 luglio 2019 in cui morì un uomo di Ostra, Stefano Giancamilli
Il grave incidente stradale a Pollenza di Macerata del 30 luglio 2019 in cui morì un uomo di Ostra, Stefano Giancamilli

MACERATA – Rischiava una condanna fino a sette anni di carcere per il grave incidente in cui morì suo marito, ma riesce a patteggiare una pena a dieci mesi. È questo il primo esito della vicenda giudiziaria che si è svolta ieri, 10 marzo, al tribunale penale di Macerata sulla morte dell’ostrense Stefano Giancamilli per il sinistro stradale avvenuto a Pollenza nel luglio 2019.

Era il 30 luglio: il 64enne Stefano Giancamilli – volto noto a Ostra per aver gestito per anni il Caffè del Teatro nella centralissima piazza dei Martiri, sotto il municipio – era in auto assieme alla moglie Rudina Derjaj lungo la provinciale 53. A una rotatoria, l’auto condotta dalla donna ha impattato violentemente contro un camion, finendo per essere sbalzata contro il guard rail e poi fuori carreggiata. Gravissime le ferite riportate dai due a bordo della Fiat Qubo verde: il 64enne morì praticamente sul colpo, mentre la moglie riportò fratture in tutto il corpo e venne trasportata d’urgenza con l’eliambulanza da Pollenza di Macerata al pronto soccorso dell’ospedale regionale a Torrette di Ancona.

Oltre alle conseguenze sanitarie dovute al grave incidente, per la donna si profilava il rischio di una condanna per omicidio stradale, con pena massima fino a 7 anni di reclusione, data la mancata precedenza nei confronti del camion che sopraggiungeva da destra. Tramite le indagini difensive svolte dall’avvocato Corrado Canafoglia di Senigallia, la donna ha contestato innanzitutto la velocità a cui procedeva il camion coinvolto nel grave incidente; inoltre è riuscita a far accertare che la mancata manutenzione della folta vegetazione nei pressi della rotatoria aveva reso di fatto difficilmente visibile il cartello stradale di precedenza.

La vicenda quindi si è chiusa al tribunale penale di Macerata, dove il giudice per l’udienza preliminare ha concesso alla signora Rudina Derjaj il patteggiamento a 10 mesi di reclusione, con il beneficio della sospensione condizionale della pena. Il conducente del mezzo pesante ha chiesto invece di definire la propria posizione processuale in merito al grave incidente tramite giudizio abbreviato.