Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Il Grand Tour delle Marche di Tipicità fa tappa a Potenza Picena (FOTO)

«A Potenza Picena possiamo garantire un’offerta a 360 gradi e questo appuntamento è un’opportunità per far conoscere la nostra città sempre di più» ha detto il sindaco Noemi Tartabini

Un momento dell'appuntamento del Grand Tour delle Marche di Tipicità a Potenza Picena

POTENZA PICENA – Tradizione, cultura, enogastronomia, luoghi nascosti e bellezze da scoprire. Tutto questo e molto altro è il Grand Tour delle Marche di Tipicità che proprio ieri ha fatto tappa a Potenza Picena. Una passeggiata alla scoperta delle bellezze del territorio alla quale hanno partecipato, oltre che il direttore organizzativo Alberto Monachesi, anche il sindaco di Potenza Picena Noemi Tartabini, l’assessore al turismo e alla cultura Tommaso Ruffini, il presidente della Pro Loco di Potenza Picena Giuseppe Castagna, l’assessore al turismo e alla cultura di Porto Recanati Angelica Sabbatini e il giornalista Carlo Cambi.

Le grotte dentro palazzo Grappini-Pallotto

Prima tappa è stata il palazzo neo-classico Grappini-Pallotto con le sue suggestive grotte sotterranee con volte a botte e a crociera completamente restaurate. Seconda tappa invece la Sala della Musica dove il presentatore Cesare Angeletti ha deliziato i presenti con racconti in dialetto, poesie e storie della tradizione che hanno intrecciato le bellezze della città alla storia del vino e infine tappa al Convento Agostiniano per un momento di confronto al quale ha preso parte anche il direttore di Tipicità Angelo Serri prima di assaggiare le prelibatezze delle vergare marchigiane.

Un momento del trekking urbano a Potenza Picena

«Un tour esperienziale che oggi (ieri, ndr.) facciamo qui a Potenza Picena in attesa del Grappolo D’Oro previsto per oggi ma rimandato al 4 ottobre – ha spiegato Monachesi -. Dopo il periodo dell’emergenza sanitaria abbiamo dovuto ricostruire la realtà che ora diventa più aumentata e molto fisica seppur fatta di piccoli gruppi. E proprio perché in questo momento di emergenza sarebbe difficile per tutti riuscire a raggiungere il nostro patrimonio dobbiamo avvalerci anche della tecnologia».

«Abbiamo dato vita a un grande lavoro di squadra e vogliamo investirci noi in primis – ha detto il sindaco Noemi Tartabini -. Qui in centro storico abbiamo moltissime piccole e belle realtà che forse anche noi cittadini conosciamo poco; e poi ci sono il mare e i momenti ludici. Insomma a Potenza Picena possiamo garantire un’offerta a 360 gradi e questo appuntamento di Tipicità è un’opportunità per far conoscere la nostra città sempre di più».

Un momento dell’incontro dentro al Convento Agostiniano

«Quello di oggi (ieri, ndr.) è un momento importante per far crescere la nostra comunità su asset e potenzialità che forse prima venivano dati per scontati – ha aggiunto l’assessore Ruffini -. Abbiamo quindi voluto inserire il Grappolo D’Oro nel Grand Tour delle Marche in modo da mettere a fuoco le tradizioni. Qui ci ritroviamo comunità e ritroviamo le tante potenzialità da sviluppare in chiave turistica e di promozione; è arrivato il momento di aprire la comunità al resto del mondo e di raccontarsi e oggi lo abbiamo fatto con piccole pillole che seguono il filo conduttore del vino in occasione dei sessantanni del Grappolo D’Oro».

«Siamo partiti con sette appuntamenti programmati e siamo arrivati a 28 – ha concluso il direttore di Tipicità Angelo Serri -. Le potenzialità di Potenza Picena sono tante e forse inespresse ma chiunque approda qui su questo colle non può notare l’importante risorsa dell’assetto urbanistico. Questo è il momento in cui tutti noi dobbiamo proiettarci verso il futuro perché il turismo cambierà moltissimo; è quindi importante rimanere al passo con i tempi e abbracciare questa seconda fase che sarà senza dubbio diversa e porterà con sé moltissime novità».

Dopo le conclusioni affidate al giornalista Carlo Cambi spazio alle vergare che hanno deliziato i presenti con i classici vincisgrassi, la polenta bianca e lo spezzatino, accompagnato da un buon bicchiere di vino rosso.

Il presentatore Cesare Angeletti