Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Fisioterapista abusivo a Civitanova, denunciato dalle Fiamme Gialle

L'uomo, un 56enne della città costiera, aveva solo il diploma di scuola secondaria di secondo grado e non era iscritto al relativo Ordine professionale. Sequestrato lo studio

Il sequestro della Guardia di Finanza di Civitanova nello studio abusivo

CIVITANOVA – Da 10 anni eseguiva l’attività di fisioterapista avendo conseguito solo il diploma di scuola secondaria di secondo grado: incastrato dalla Guardia di Finanza di Civitanova un 64enne della città costiera.

L’uomo non era iscritto all’Ordine dei Tecnici sanitari di radiologia medica, delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, e aveva un appartamento nel centro della città dove svolgeva la sua “attività”. A scoprire tutto tramite un’analisi informativa effettuata attraverso l’incrocio di informazioni detenute nelle banche dati, sono stati i finanzieri di Civitanova guidati dal comandante Tiziano Padua.

L’uomo, un 56enne di Civitanova, effettuata attività di massofisioterapia e di fisioterapia – sono al vaglio dei militari le fatture emesse per ogni prestazione – senza avere una laurea e senza essere iscritto al relativo Ordine. I finanzieri hanno quindi dato esecuzione a un decreto di perquisizione nello studio del civitanovese e hanno accertato l’esercizio abusivo della professione.

Le ricerche dalle Fiamme Gialle, con la collaborazione del personale tecnico dell’Associazione Italiana Massofisioterapisti, hanno portato al rinvenimento e al conseguente sequestro di numerosi attrezzi elettromedicali e medicinali, adoperati abusivamente dal 54enne. Il sequestro ha riguardato anche l’intero appartamento “riadattato” a studio professionale dal responsabile che è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria per il reato di abusivo esercizio di una professione che prevede la sanzione penale della reclusione fino a 3 anni, la multa fino a 50mila euro e, in caso di condanna, la confisca dei beni strumentali alla commissione del reato.