Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Blitz all’Hotel House: eroina sotto le coperte, tre persone in manette

Maxi operazione dei carabinieri della Compagnia di Civitanova insieme ai colleghi di Macerata e al Nucleo Cinofili di Pesaro. Al palazzone multietnico di Porto Recanati, i militari hanno passato al setaccio numerosi appartamenti

Hotel House
Hotel House

PORTO RECANATI – Tre arresti, due denunce e 37 grammi di droga sequestrati: mattinata di controlli all’Hotel House. In campo i carabinieri della Compagnia di Civitanova insieme ai colleghi di Macerata e al Nucleo Cinofili di Pesaro. Passati al setaccio numerosi appartamenti del noto condominio multietnico di Porto Recanati. I militari hanno identificato in totale 130 persone e controllato 65 veicoli, alcuni dei quali sequestrati perché sprovvisti di assicurazione.

I carabinieri, arrivati in una abitazione, hanno scovato tre persone, un 38enne tunisino, un 24enne gambiano e un 26enne sudanese, in possesso di 32 grammi di eroina nascosti sotto alle coperte del letto e in una scatola. Nell’appartamento i militari hanno rinvenuto anche due bilancini di precisione, delle buste per il confezionamento delle dosi e vari arnesi da scasso tra pinze, guanti e torce.  I tre, tutti clandestini e già noti alle forze dell’ordine per i loro precedenti penali, sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio in concorso in attesa dell’udienza di convalida che si terrà domani mattina al Tribunale di Macerata.

I carabinieri, in un secondo appartamento hanno sorpreso invece un ghanese 21enne con cinque grammi di hashish; il giovane è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Macerata. I militari hanno sorpreso nel palazzone multietnico anche un 43enne pakistano che, nonostante il provvedimento di espulsione emesso dal questore nel marzo dello scorso anno, continuava a rimanere sul territorio nazionale: l’uomo è stato denunciato.

I carabinieri hanno anche fotosegnalato nove cittadini stranieri dato che non avevano un documento di identità; gli stessi sono ora a disposizione dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Macerata per eventuali provvedimenti di allontanamento o di espulsione.