Nuovo Citroen C5 Aircross Hybrid Plug-in
Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Harley Davidson Route 76
Harley Davidson Route 76

Elezioni, FdI primo partito a Civitanova Marche. Alla Camera Forza Italia supera la Lega

Il dato di Civitanova lista per lista. Partito democratico e Movimento 5 Stelle vanno al di sotto della media nazionale

CIVITANOVA MARCHE- Con il 30,62%, Fratelli d’Italia è il primo partito a Civitanova Marche.

I risultati alla Camera

Alla Camera hanno votato per la lista di Giorgia Meloni 6154 civitanovesi. Ma forse il dato più interessante che esce fuori dalle quaranta sezioni cittadine è l’exploit di Forza Italia che al plurinominale con il 9,53% supera la Lega per Salvini premier ferma all’8,71%. Gli azzurri, nella città costiera, hanno incassato 1915 preferenze a fronte delle 1750 per il Carroccio. Noi Moderati, realtà che raccoglie il trio di simboli appartenenti a Maurizio Lupi, Giovanni Toti e Luigi Brugnaro, ha guadagnato lo 0,62%, pari a 124 voti.  Questi i dati per la Camera dei deputati, dove all’uninominale, la candidata leghista Giorgia Latini (eletta) ha incassato il 48,98%, cioè 10.287 voti. Il Partito democratico è la seconda lista più votata in città. L’hanno scelta 3478 civitanovesi pare al 17,31% delle preferenze, a fronte dei 4805 (22,88 %) cittadini che si sono espressi in favore del candidato dem all’uninominale, Fulvio Esposito, già rettore di Unicam. Alleanza dei verdi e sinistra italiana al 2,96%, votata da 594 civitanovesi, con +Europa ferma al 2,16% (435 voti) e Impegno Civico di Luigi Di Maio allo 0,41% (82 voti). Al di sotto della media nazionale, invece, il Movimento 5 stelle che all’uninominale esprimeva l’ormai ex deputata civitanovese Mirella Emiliozzi. 13,14% (2760 voti) la percentuale ottenuta dal partito della stessa candidata, a fronte del 12,85% 2585 voti) del plurinominale ottenuto dal partito dell’ex premier Giuseppe Conte.

La lista Azione-Italia Viva ha incassato il 7,14% (1434 voti) a fronte del 7,23% (1519 voti) del candidato all’uninominale Mariano Calamita. Italexit per l’Italia di Gianluigi Paragone 494 voti (2,46%) con la candidata all’uninominale Katiuscia Del Monte con 516. Ancora, Italia sovrana e popolare all’1,63% (327 voti), la candidata all’uninominale Alessandra Perugini ferma all’1,64% (345 voti). Unione Popolare con De Magistris 231 voti, a fronte dei 252 incassati dal candidato all’uninominale Simone Marincioni (1,15% nel primo caso, 1,09% nel secondo). Infine, sempre all’uninominale Alessandra Contigiani 229 voti (1,09%), con la sua lista, Vita, all’1,08% con 217 voti. Daniele Cardinali del Partito comunista italiano, 210 voti all’1%, 203 i voti incassati dalla stessa lista. Ancora per l’uninominale, Clara Ferranti di Alternativa per l’Italia-No green pass 81 voti (0,39%), la lista stessa 75 (0,37%).

I risultati al Senato

Discorso diverso, invece, per quanto concerne il Senato dove la Lega con il suo 9,26%  è avanti rispetto a Forza Italia ferma all’8,99%. Fratelli D’Italia si conferma al primo posto con il 30,65%. Noi moderati sempre allo 0,61%. Per il resto, le percentuali rimangono pressoché le stesse della Camera con il Pd sempre al 17,01% il M5s poco sopra il 13%. In totale sono stati 21 809 gli elettori civitanovesi che si sono presentati alle urne.