Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Elezioni a Camerino, Sborgia presenta la squadra: «Il lavoro avviato va portato a termine»

L'ex sindaco di nuovo in campo per il voto del 12 giugno. Nella lista volti noti che erano scesi in campo già tre anni fa

CAMERINO – «Il lavoro avviato deve essere portato a termine ed è un dovere e un diritto del cittadino scegliere chi debba amministrare. Qui potete vedere le gru e le impalcature e potete ascoltare i rumori della ricostruzione . Tre anni fa, questa era ancora zona rossa e la città era interdetta ai cittadini. Da qui noi siamo partiti: mettendo in sicurezza la città per restituirla ai camerti». Ha scelto piazza Cavour, un posto non a caso ma nel cuore di Camerino dove sono evidenti le gru della ricostruzione, l’ex sindaco Sandro Sborgia per presentare la lista che lo sosterà alle elezioni del 12 giugno.

Al suo fianco i componenti della gruppo “Ripartiamo”: Gionata Bentivoglia (45 anni, vigile del fuoco), Alberto Cavallaro (54 anni, dottore commercialista), Roberta Fattoretti (52 anni, ingegnere civile), Lucia Jajani (48 anni, funzionaria di banca), Vincenzo Luzi (78 anni, magistrato a riposo), Luca Marassi (49 anni, ingegnere meccanico), Rosella Paggio (57 anni, dipendente universitaria), Sonia Santacchi (42 anni, educatrice scolastica), Stefano Sfascia (53 anni, medico chirurgo), Alessia Tavoloni (46 anni, impiegata), Mario Tesauri (68 anni, dipendente universitario a riposo) e Sauro Tromboni (67 anni, imprenditore agricolo). Jajani (ex vicesindaco), Sfascia (ex assessore), Luzi, Marassi e Tromboni erano già scesi in campo tre anni fa.

«Ora il centro sta ritornando a vivere ed è un grande risultato, era il motivo per il quale avevamo deciso di assumerci la responsabilità di amministrare la città. È stato un lavoro difficile ma i risultati si cominciano a vedere e ne siamo orgogliosi – ha aggiunto Sborgia -. È davvero un peccato essere stati interrotti per cause che, onestamente, dobbiamo ancora comprendere, ma che hanno violato il patto con i cittadini. Ma noi siamo di nuovo qui, perché pensiamo che il lavoro avviato debba essere portato a termine, c’è ancora tanto da fare ed è dovere e diritto del cittadino scegliere la propria amministrazione. Noi non abbiamo altro da offrire che tutto il lavoro fatto si qui, la nostra semplicità e trasparenza».