Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Il Dante di Pupi Avati con le scenografie di Fondazione Pergolesi Spontini e Accademia di Belle Arti di Macerata

Accademia di Belle arti di Macerata e Fondazione Pergolesi Spontini hanno collaborato nel reparto scenografia del film "Dante" sul sommo poeta, che uscirà al cinema a settembre

Pupi Avati
Pupi Avati con lo staff di Fondazione Pergolesi Spontini e Accademia di Belle Arti di Macerata

MACERATA – La lunga collaborazione tra Fondazione Pergolesi Spontini e Accademia di Belle Arti di Macerata produce risultati importanti: ieri sera, giovedì 16 giugno, all’Auditorium della Conciliazione di Roma, c’erano anche i due enti marchigiani nei titoli del nuovo film di Pupi Avati, Dante, in sala dal 29 settembre, presentato in anteprima alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, della presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e del presidente della Camera Roberto Fico. Tra i protagonisti della serata, gli artisti e le maestranze che hanno collaborato alla produzione della DueA Cinema, e tra essi appunto i due enti marchigiani.

Accademia di Belle arti di Macerata e Fondazione Pergolesi Spontini hanno collaborato nel reparto scenografia del film DanteLaura Perini e Mattia Federici ex allievi dell’Accademia ne hanno firmato le scenografie, nello staff di assistenti e collaboratori hanno lavorato gli ex allievi Sara Triozzi (aiuto scenografo), Andrea Montani (arredatore), Roberta Ulisse (aiuto decoratore) e il collaboratore della Fondazione jesina Stefano Merlo (decoratore); la Fondazione Pergolesi Spontini ha svolto il lavoro di coordinamento e realizzazione delle scene presso il proprio Laboratorio di Scenografia a Jesi, con Benito Leonori direttore tecnico e scenografo quale coordinatore.

Il Dante di Pupi Avati è uno dei pochissimi racconti cinematografici girati sul Divin poeta: nonostante la sua grande popolarità, in Italia e nel mondo, in pochi si sono avventurati nel raccontare le opere e la vita dell’autore della Divina Commedia. La produzione del 2021 vuole quindi addentrarsi nella vita del poeta, attribuendo alla pellicola una connotazione biografica: a narrare la storia di Dante è direttamente Giovanni Boccaccio (interpretato da Sergio Castellitto), altro grande autore della letteratura italiana, nonché biografo ufficiale del poeta fiorentino. Dante è invece interpretato da due attori diversi: Alessandro Sperduti lo rappresenta da giovane, mentre Giulio Pizzirani ne veste i panni da adulto.

Il film Dante ha preso spunto dal nuovo libro di Pupi Avati, L’alta fantasia. Il viaggio di Boccaccio alla scoperta di Dante (Solferino, 2021), romanzo picaresco e avventuroso sulle tracce del Poeta. Lo scorso 26 maggio Avati lo ha presentato al Teatro Pergolesi di Jesi nell’ambito di “Essere Spettatore”, percorso informale di dialogo con il pubblico e di approfondimento per leggere lo spettacolo dal vivo nel contemporaneo, a cura di Pierfrancesco Giannangeli, docente, giornalista e consulente della Fondazione Pergolesi Spontini per la formazione del pubblico.