Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Civitanova, natante da diporto in avaria nella notte, paura per sei giovani

I ragazzi sono stati salvati grazie all'intervento della Guardia Costiera. Al proprietario dell'imbarcazione è stata contestata la mancanza di specifiche dotazioni di sicurezza

Il salvataggio effettuato dalla Guardia Costiera di Civitanova

CIVITANOVA – Fortunatamente si è risolto tutto per il meglio per i sei giovani che erano a bordo di un natante da diporto che ieri sera (martedì 14 luglio), a largo di Civitanova, a causa del motore in avaria, hanno rischiato di non fare rientro in porto. Provvidenziale l’intervento della Guardia Costiera della città rivierasca, guidata dal tenente di vascello Giuliano Gentilini, che ha permesso ai sei ragazzi di concludere la serata con tanta paura ma nulla di più.

L’episodio è avvenuto ieri sera. Erano le 22:50 quando alla Sala Operativa dell’Ufficio Circondariale Marittimo della Guardia Costiera di Civitanova è arrivata la segnalazione telefonica di richiesta di assistenza in mare da parte di sei ragazzi – due ragazze e quattro ragazzi tutti residenti nella città costiera – di età compresa tra i 19 e i 21 anni. I giovani nell’oscurità più totale e non riuscendo a far ripartire il natante, hanno subito lanciato i soccorsi.

Il gruppo, uscito qualche minuto prima a bordo di un natante da diporto di 6,5 metri, era rimasto in panne a circa 500 metri al traverso dello stabilimento balneare “La Contessa” a causa di un’avaria al motore. Gli uomini della Guardia Costiera, raggiunti i sei ragazzi, si sono subito accertati delle buone condizioni di salute dei giovani e, con la motovedetta SAR CP 839, hanno riportato l’imbarcazione nel posto di ormeggio del porto.

Il tenente di vascello della Guardia Costiera di Civitanova Giuliano Gentilini

La Guardia Costiera ha inoltre effettuato delle verifiche alle dotazioni di bordo e ha accertato delle violazioni amministrative al Codice della nautica da diporto in materia di dotazioni di sicurezza minime dato che erano presenti solamente due cinture di salvataggio su sei. Il proprietario dell’imbarcazione è stato sanzionato con una multa di 215 euro.

«Con la campagna “Mare Sicuro” siamo impegnati quotidianamente nel controllo in mare – ha sottolineato il tenente di vascello Giuliano Gentilini -. Normalmente, quasi ogni giorno, vengono accertate delle violazioni in merito alla mancanza delle dotazioni di sicurezza o per altri motivi; in tal senso è importante sensibilizzare i giovani e anche le loro famiglie nell’effettuare scrupolosi controlli prima dell’uscita in mare e di navigare con la massima responsabilità evitando di fare del male a sé stessi e agli altri».