Macerata

Civitanova, Justine Mattera madrina del triathlon: «Solidarietà e inclusione i valori dello sport»

Allestito il villaggio che ospiterà le competizioni di Triathlon. Presenti i ragazzi con disabilità della Lega del filo d'oro

CIVITANOVA MARCHE- Tutto pronto per la 6 tappa del campionato regionale di triathlon ‘Sprint no draft’ e la sesta tappa del  circuito ‘Ips Paratriathlon’: questo pomeriggio, al largo Melvin Jones, è stato inaugurato il villaggio che ospiterà le competizioni di domani. Dunque, il lungomare Piermanni si trasforma in un’arena di sport e di attrattive, con gli stand di ‘Arena’ e ‘Aspassobike’ e il circuito di partenza e arrivo e i gonfiabili di ‘CivitanovaTriathlon’, società che organizza l’iniziativa.

La madrina

Madrina della manifestazione, la showgirl e amante della disciplina Justine Mattera, che ha presentato il libro ‘Just me’, non prima di farsi immortalare insieme ai ragazzi con disabilità appartenenti alla Lega del Filo d’oro.

«Condivisione, solidarietà, inclusione – ha detto Mattera – sono i valori che questa competizione vuol portare avanti. Sono ormai una veterana della manifestazione, essendo ospite per il terzo anno consecutivo. E’ sempre bello venire qui e apprezzo davvero la passione degli organizzatori». Poi un focus sulla sua opera, ‘Just me’, le cui copie, al termine della cerimonia, sono state regalate ai presenti. Justine Mattera ha ripercorso tutte le tappe che l’hanno condotta all’avventura del triathlon. «Ho iniziato per caso – ha spiegato – , all’esordio sottovalutavo la difficoltà, poi mi sono resa conto. Alla prima gara è stata dura, poi l’anno dopo sono riuscita a durare venti minuti in più e così via. Il triathlon è uno sport duro, ma con la costanza si può fare tutto». Domani le gare, con inizio fissato per le 9.

Ti potrebbero interessare

Civitanova, albanese ritenuto pericoloso espulso dall’Italia

Giovedì scorso (13 giugno) personale della questura ha accompagnato coattivamente alla frontiera marittima di Ancona, per esodo dal territorio nazionale, un cittadino albanese di 30 anni, in esecuzione di un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale emesso dal Prefetto di Macerata