Macerata

Civitanova, il confronto con le politiche del 2018: FdI quintuplica il suo bacino, calano tutti gli altri partiti

Calo di affluenza rispetto alle politiche del 2018 dove alle urne si recarono 24084 civitanovesi a fronte dei 21809 dell'attuale tornata

Giorgia Meloni ad Ancona

CIVITANOVA MARCHE – Fratelli d’Italia, risultato primo partito in città, ha quasi quintuplicato i voti rispetto al 2018.

Il centrodestra

Il 4 marzo di quattro anni fa, al plurinominale al Senato, furono 1186 i civitanovesi che scelsero il partito di Giorgia Meloni a fronte dei 6160 di questa tornata. Discorso pressoché identico per quanto concerne la Camera dei deputati, con FdI che passa dai 1143 (6,40) delle scorse elezioni ai 6154 (30,62% di oggi). In calo, invece, i suoi alleati di governo: rispetto alle precedenti politiche scendono i consensi di Forza Italia e soprattutto della Lega. Sempre per la Camera, la scorsa domenica, hanno scelto il Carroccio 1750 elettori civitanovesi a fronte dei 2587 del 2018 (8,71% del 2022 contro il 18,47% del 2018). Il partito di Berlusconi, pur avendo superato la soglia leghista alla Camera, perde qualche voto: in questo caso, si passa dalle 2587 preferenze di quattro anni fa (pari all’11,48%) alle 1915 dell’odierna tornata (9,15%). In totale, la coalizione di centrodestra, che all’uninominale sosteneva l’attuale assessore cittadino alla sicurezza Giuseppe Cognigni, ottenne il 37,25%, pari a 8395 (ai voti di Fd’I, Lega e Fi si aggiungano i 202 di Noi con l’Italia-Udc).

Il centrosinistra

Pressoché stabile, invece, la coalizione di centrosinistra che all’epoca (Camera dei deputati) raccolse il 21,08% dei consensi (21,04% i voti presi dal candidato all’uninominale Paolo Petrini), a fronte del 22,88% odierno. Ma continua la discesa del Partito democratico: all’epoca, con 4171 preferenze, ottenne il 18,51%. Stavolta, i dem sono scesi al 13,71% (3478 preferenze). Invariato il dato di +Europa che prese 430 voti (1,91%), stavolta sale al 2,16 con 435 preferenze. A far salire di qualche punto la coalizione di centrosinistra, hanno contribuito l’aiuto dell’Alleanza dei Verdi (fermi al 2,96% e assenti nel 2018) e la differenza di affluenza: in quell’occasione si recarono ai seggi 24084 civitanovesi (il 75,34%), domenica si sono presentati nelle 40 sezioni cittadine 21809 elettori (il 67,22%).

I 5 stelle

Calo drastico per quanto concerne il Movimento 5 stelle. All’uninominale, sempre per l’elezione dei rappresentanti di Montecitorio, il consenso fu del 36,62% (8543 voti), stavolta il partito guidato dall’ex premier Giuseppe Conte si è fermato al 13,14%, con 2582 preferenze guadagnate.

Ti potrebbero interessare

Civitanova, albanese ritenuto pericoloso espulso dall’Italia

Giovedì scorso (13 giugno) personale della questura ha accompagnato coattivamente alla frontiera marittima di Ancona, per esodo dal territorio nazionale, un cittadino albanese di 30 anni, in esecuzione di un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale emesso dal Prefetto di Macerata