Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Civitanova, 4 cinesi condannati. «Chiedevano il pizzo in cambio di protezione»

Inflitte pene dai sei ai sette anni. I fatti risalgono al 2014. Gli imputati erano tutti accusati di estorsione, due di loro anche di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni

CIVITANOVA – Avrebbero chiesto il pizzo in cambio di protezione, quattro cinesi condannati con pene dai sei ai sette anni. I fatti contestati risalgono a marzo del 2014. Imputati erano quattro cinesi, tre uomini (di 45, 47 e 42 anni) e una donna (di 48 anni), inizialmente era coinvolto anche un quinto connazionale ma la sua posizione è stata stralciata in sede di udienza preliminare quattro anni fa.

Secondo l’accusa, oggi sostenuta in aula dal pubblico ministero Rita Barbieri, con violenza e minaccia i quattro avrebbero costretto una coppia di connazionali a pagare 500 euro a fronte di una richiesta iniziale di 3.200 euro a titolo di “protezione” del centro estetico da loro gestito a Civitanova. Le vittime decisero di rivolgersi agli agenti del locale commissariato e, su suggerimento dei poliziotti, concordarono un appuntamento con i presunti estorsori per la consegna del denaro in un bar della zona commerciale. Il denaro fu inserito in una busta rossa ma al momento della consegna le vittime furono aggredite (sembra perché la somma fosse inferiore a quella richiesta) e a quel punto gli agenti intervennero per salvaguardare l’incolumità delle persone coinvolte nella vicenda e di tutti i clienti presenti. La vittima dell’estorsione e alcuni agenti di polizia, però riportarono lesioni, tanto che i quattro imputati erano tutti accusati di estorsione e due di loro anche di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. I cinque cinesi furono arrestati.

Oggi il 45enne è stato condannato a sette anni, i tre coimputati a sei anni e 4mila euro di multa. Erano difesi dagli avvocati Pietro Antonio Siciliano e Lidio Palumbo. Le difese hanno rigettato gli addebiti, la somma sarebbe stata pagata per comporre una controversia, per questo era stata messa in una busta di colore rosso (secondo la simbologia cinese si usano buste rosse in occasione di feste, eventi importanti o per risolvere controversie). Il legale Siciliano ha anticipato che una volta lette motivazioni impugnerà la sentenza in Appello.