Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Civitanova bike festival, in città di tre giorni dedicati alla bici

L'assessore Gironacci: «Questa manifestazione a mio avviso è molto più di un festival: è un’idea di turismo sociale e sostenibile»

Da sin: l'ideatore Mauro Fumagalli, gli assessori Manola Gironacci e Claudio Morresi, Laura Alessandrini e Lorena Santi di 'Its turismo e nuove tecnologie'.

CIVITANOVA MARCHE- Civitanova bike festival’: convegni, incontri e dibattiti al varco sul mare. Una pedalata di gruppo tra le varie arterie cittadine e alla pista ciclabile del Chienti. Questo, in pillole, il programma della quarta edizione dell’iniziativa nata su idea del biker civitanovese Mauro Fumagalli, titolare di Marche Bike Life, e realizzata con il patrocinio di Comune, Regione, Fiab e Noi Marche.

Il programma

La tre giorni, che si terrà al varco sul mare e al lido Cluana dal 30 settembre al 2 ottobre, è stata presentata stamani a palazzo Sforza: per l’occasione presenti, oltre allo stesso Fumagalli, anche il vicesindaco e assessore allo sport Claudio Morresi, l’assessore al turismo Manola Gironacci, gli architetti, promotori di progetti dedicati alle due ruote, Bruno Valeriani e Paolo Caracini,  Lorena Santi e Laura Alessandrini di ‘Its Turismo e nuove tecnologie’. Quest’ultima è una scuola ad alta formazione post diploma, che porterà oltre cinquanta studenti provenienti da tutta la regione, impegnati nell’organizzazione e nella copertura mediatica della manifestazione.

«Questa manifestazione a mio avviso è molto più di un festival – ha commentato l’assessore Gironacci – : è un’idea di turismo sociale e sostenibile, che in qualità di assessore di questa città mi impegno a sostenere e sviluppare. Tutti sappiamo che il fenomeno del turismo in bici è in forte crescita e Civitanova ha tutte le carte in regola per diventarne uno dei punti di riferimento del Centro Italia».

Le parole degli organizzatori

Il taglio del nastro è in programma venerdì 30 settembre, alle 15. A seguire il dibattito con lo scalatore in carrozzina Luca Panichi  e Andrea Tomasoni di ‘AdRemove’, società che si occupa di mobilità e turismo inclusivi. Tra i protagonisti della tre giorni, anche Gioia Bartali, nipote dello storico Gino: sarà al festival alle 15 di sabato, 1 settembre. «Il Bike Festival raccoglie in un unico luogo tutte le esperienze legate al mondo della bicicletta – ha affermato Mauro Fumagalli – portandole in un percorso narrativo sul cicloturismo  che possa offrire spunti di riflessione e soluzioni in grado di contrastare i cambiamenti climatici e creare consapevolezza nelle persone. Molti saranno i temi da approfondire con la collaborazione della Fiab Marche, con Enrico Tosi e Fabio Vallarola. Riusciremo a trattare argomenti di grande interesse e di forte attualità come le ciclabili, i comuni ciclabili e la mobilità sostenibile».

Chiusura affidata alla ciclopedalata cittadina: si partirà dal varco sul mare in direzione lungomare nord fino al sottopasso Broccolo, da qui si tornerà e si raggiungerà via Alighieri con svolta in via Del Casone, quindi in via Fontanella (ex Mattatoio) con tappa alla pista ciclabile del Chienti. Da qui, ritorno al varco sul mare.