Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Civitanova, banconote ai carabinieri per evitare sanzioni: imprenditore a giudizio per istigazione alla corruzione

Il controllo era stato eseguito dai militari del Nil ad agosto del 2021 per accertare il rispetto delle normative anti-contagio. Il titolare aveva infilato delle banconote da 50 euro nei documenti dei dipendenti

CIVITANOVA – Quando i carabinieri gli avevano chiesto i documenti dei dipendenti lui, per evitare di incorrere in eventuali sanzioni, ci avrebbe infilato in mezzo delle banconote da 50 euro, banconote che i militari avevano preso e riconsegnato subito. Ma poi l’imprenditore avrebbe insistito allungando i soldi e dicendo «Caffè! Caffè!», a quel punto era scattata la denuncia. È questa in estrema sintesi la vicenda finita oggi all’attenzione del giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Macerata Claudio Bonifazi e del pubblico ministero Rosanna Buccini.

Il controllo risale al 17 agosto del 2021, quel giorno i carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro di Macerata si erano recati in un opificio di Civitanova per controllare il rispetto delle normative anticontagio. Sul posto era presente anche il comandante del Nucleo, il maresciallo Martino Di Biase, ed era stato a lui e ad un collega che il titolare della ditta, un cinese di 42 anni, aveva consegnato i documenti dei dipendenti. Ma tra una carta di identità e l’altra l’uomo aveva infilato anche alcune banconote da 50 euro. Nel dubbio che si fosse trattato di un errore i militari avevano preso i soldi e li avevano consegnati al titolare. Sembrava che il titolare avesse mangiato la foglia ma il seguito dimostrò il contrario: l’uomo infatti, poco dopo ci avrebbe riprovato, sfilando i soldi dalla tasca e allungandoli di nuovo ai militari, questa volta aggiungendo l’invito: «Caffè! Caffè!». Un invito che all’imprenditore è costata una denuncia per istigazione alla corruzione. Difeso dall’avvocato Laura Baldassarrini, questa mattina il 42enne non ha richiesto riti alternativi e il giudice ha disposto il rinvio a giudizio. Il processo si aprirà il 12 dicembre del 2023.