Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Macerata, lo chef stellato Errico Recanati per il menu della serata con la Fondazione Andrea Bocelli: «Un evento molto importante a livello umano»

Appuntamento allo Sferisterio di Macerata dove sarà il cuoco del ristorante "Andreina" di Loreto a portare il gusto del buon cibo per l'evento che raccoglie fondi per la ricostruzione post-sisma

Lo show cooking con lo chef Errico Recanati del ristorante Andreina di Loreto
Lo show cooking con lo chef Errico Recanati del ristorante Andreina di Loreto

LORETO – Sono ancora disponibili tre pacchetti che comprendono i biglietti in abbinamento a momenti conviviali pensati per sostenere in modo più concreto la raccolta fondi, realizzati in collaborazione con Imt – Istituto marchigiano di Tutela Vini – e lo chef stellato Errico Recanati del ristorante “Andreina” di Loreto per la serata di musica e solidarietà in programma allo Sferisterio domenica 5 settembre (ore 21) “E lucevan le stelle”, promossa dal Comune di Macerata con l’Associazione Arena Sferisterio a beneficio della nuova raccolta fondi della Abf – Andrea Bocelli Foundation per la ricostruzione scolastica post-sisma.

L’emozione dello chef Recanati

Proprio Recanati racconta l’emozione di essere partner di un’iniziativa simile. Quell’emozione cercherà di traslarla nei piatti che porterà per deliziare i palati dei presenti. «Porterò fumo, fiamme e brace, quello che faccio di solito. Il menù uscirà presto, è ancora top secret – dice lo chef -. C’è un grande attaccamento al territorio da parte mia e da parte della fondazione. È un evento molto importante questo, anche a livello umano. Me la sento molto vicino».

Lo chef quasi si commuove: «È un impegno di tale caratura quello del 5 settembre che può portare a chiudere un cerchio. Il messaggio forte è la ricostruzione di questa scuola che è quello che serve adesso. Ho due bambini piccoli e anche per questo mi vengono i brividi quando penso a quello che la Fondazione con questo evento e non solo riuscirà a fare. Aprire una scuola significa sempre dare vita, offrire un insegnamento, dare nuovi sogni a piccoli essere umani».

La serata allo Sferisterio di Macerata

La serata allo Sferisterio sarà infatti preceduta da un Gala dinner nel cortile di Palazzo Buonaccorsi con, alle ore 18, aperitivo in terrazza da dove ammirare al tramonto i Monti Sibillini, quindi visita privata alla Sala dell’Eneide, gioiello del museo.
La cena sarà servita per 12 tavoli (soltanto cento ospiti) alla presenza di Andrea Bocelli. Sia l’aperitivo che la cena sono firmati dallo chef stellato Errico Recanati e saranno a base di erbette, cacciagione e brace, ingredienti e cotture che hanno reso celebre il cuoco marchigiano. I vini, scelti dall’Istituto Marchigiano di Tutela Vini (Imt), saranno Verdicchio doc e docg, e Ribona Colli Maceratesi doc.

La Fondazione Bocelli

Un nuovo progetto che avrà sempre come destinatari i giovani del territorio marchigiano. La Fondazione Abf, grazie a iniziative analoghe, ha già realizzato nel territorio delle Marche tre strutture: nel 2018 a Sarnano ha inaugurato la scuola di istruzione secondaria di primo grado “G. Leopardi”, nel 2019 a Muccia ha donato alla comunità la scuola di istruzione primaria e per l’infanzia “E. De Amicis”, mentre nel 2020 ha aperto le porte a Camerino della nuova Accademia della musica.

“E lucevan le stelle” sarà quindi una serata di musica e spettacolo che riunirà sul palcoscenico dello Sferisterio di Macerata, nel giorno del suo compleanno – l’arena venne inaugurata infatti il 5 settembre 1829 con una partita di palla al bracciale, sport per il quale era stata costruita da Cento consorti, cento cittadini maceratesi – una serie di artisti riuniti per sostenere la causa dell’Abf che ha come partner grant maker la Fondazione Mediolanum Onlus, pronta a raddoppiare fino ad un massimo di 50mila euro il ricavato della serata finalizzato al supporto di un nuovo progetto, ancora una volta dedicato ai più giovani, che realizzerà in accordo con il Commissario Straordinario per la Ricostruzione in un comune del maceratese colpito dal sisma del 2016.