Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Macerata celebra Dante Alighieri: un anno di incontri, convegni e mostre

Comune e Università insieme per celebrare i 700 anni dalla morte del poeta. Si comincia il 18 maggio e si andrà avanti fino al 2022

Dante Alighieri
Dante Alighieri

MACERATA – Un anno di appuntamenti per celebrare Dante nel 700esimo anniversario dalla morte e scoprire anche il suo rapporto con le Marche. Comune e Università di Macerata, in collaborazione con la biblioteca Mozzi Borgetti, il comitato tecnico-scientifico di Macerata Cultura e la sezione maceratese dell’Ucai (Unione cattolica artisti italiani), hanno predisposto un calendario ricco di convegni, incontri e dibattiti dedicato al Sommo Poeta, che si concluderà nel 2022 con la mostra del pittore Claudio Sacchi con tele ispirate alla Divina Commedia.

«Anche il Comune di Macerata aderisce alle celebrazioni del 700esimo anniversario della morte di Dante Alighieri con un programma di eventi ed incontri di altissima qualità – spiega l’assessore alla Cultura, Katuscia Cassetta – grazie alla collaborazione tra il dipartimento di Studi Umanistici dell’Università e la biblioteca Mozzi Borgetti. Il primo appuntamento sarà il 18 maggio, al polo didattico Pantaleoni, con la poetessa Roberta Dapunt che parlerà del “suo” Dante, nell’ambito del ciclo di incontri “Nel nome di Dante. Gli scrittori contemporanei rileggono la Divina Commedia”».

L’obiettivo è quello di realizzare tutti gli appuntamenti in presenza, ecco perché la maggior parte si svolgeranno tra l’estate e l’autunno. A luglio, infatti, sarà la volta della rassegna di poesia e libri “Amor mi spira”, ideata da Filippo Davoli con Nuova Ciminiera e la casa editrice Industria&letteratura: cinque appuntamenti che si svolgeranno nella biblioteca Mozzi Borgetti con alcuni tra i maggiori poeti, studiosi e critici del panorama contemporaneo, come Davide Rondoni, Flavio Santi, Riccardo Frolloni, Umberto Piersanti ed Ezio Settembri.

«Tenevamo molto a differenziare il tipo di offerta culturale da predisporre – ha aggiunto la professoressa Laura Melosi, docente di Letteratura italiana dell’Università – e, per l’ateneo, era importante la realizzazione di un convegno di studi che potesse fare il punto sulla presenza di Dante nella storia culturale delle Marche». L’appuntamento, dal titolo “Tra’ due liti d’Italia. Echi danteschi nelle Marche”, si terrà il 18 e 19 novembre nell’auditorium dell’ateneo e, grazie all’apporto di illustri dantisti e studiosi, si cercherà di ricostruire la varia e radicata presenza dell’Alighieri nella storia e nella cultura delle Marche.

Con l’occasione del convegno, negli ultimi mesi dell’anno, la biblioteca Mozzi Borgetti allestirà una mostra iconografica e documentaria dedicata a Dante e le Marche, nella quale verranno esposti libri e documenti conservati nell’istituto e in altri luoghi del territorio. In questo ampio progetto formativo su Dante, infine, rientrano anche le scuole superiori, dove tra ottobre e novembre, si svolgeranno quattro incontri nei quali alcuni studenti dell’Università leggeranno e dialogheranno su alcuni canti della Divina Commedia.