Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Ecco i futuri campioni di Monte San Giusto: una squadra di calcio a 5 per ragazzi disabili

Presentata la squadra che parteciperà alle gare della Federazione italiana sport paralimpici degli intellettivo-relazionali. Madrina la campionessa paralimpica Assunta Legnante

Presentata la squadra di calcio a 5 composta da ragazzi con Sindrome di Down

MONTE SAN GIUSTO – La città del sorriso “firma” un altro progetto che mette al centro lo sviluppo e la formazione dei ragazzi, in particolare di quelli con la Sindrome di Down. È stata presentata ieri (domenica 3), nel corso dell’ultima giornata del “Clown&Clown festival” la squadra di calcio a cinque composta da ragazzi con Sindrome di Down e disagi intellettivo relazionali che parteciperà alle gare della Federazione italiana sport paralimpici degli intellettivo-relazionali.

A far parte del gruppo saranno: Alex Cesca, Alessandro Greco, Alessandro Di Giammatteo, Andrea Ribichini, Davide Moriconi, Emanuele Malavolta, Fabio Haddad e Leonardo Volatili, pronti a mettersi in gioco in questa nuova sfida. Madrina del gruppo la campionessa paralimpica Assunta Legnante che ha raccontato ai ragazzi come è arrivata al successo, motivandoli ad andare sempre avanti. Alla presentazione dell’iniziativa “Football passion insieme ci divertiamo”, sono intervenuti anche il sindaco Andrea Gentili; Luisa Fulvi dell’Anthropos Civitanova; Augusto Brasili, presidente Nuova Juventina Ffc; Ivo Panichi, presidente del comitato Figc Marche e Adriano Pistolesi che ha avuto un ruolo importante nella creazione della quarta categoria della Figc dedicata ai diversamente abili.

Il sindaco Andrea Gentili con la campionessa paralimpica Assunta Legnante, madrina della squadra

L’idea di creare una squadra di ragazzi con Sindrome di Down, come ha spiegato il sindaco, è partita «nel 2018, dopo la visita a Monte San Giusto della Nazionale italiana con Sindrome di Down. Con il presidente della Nuova Juventina e con Nelio Piermattei, presidente di Anthropos Civitanova, ci siamo detti perché non facciamo una cosa del genere anche qui nella nostra provincia e adesso abbiamo presentato la squadra che, ora, comincerà gli allenamenti».