Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Camerino, Università e licei in sinergia per la didattica del futuro

Rinnovata la convenzione per la formazione, l'orientamento e l'acquisizione di crediti formativi. Il rettore Pettinari: «Importante tornare alle lezioni in presenza»

Accordo all'Università di Camerino
Da sinistra, Francesco Rosati, Claudio Pettinari e Valeria Polzonetti

Camerino – «Le attività di orientamento dell’Università di Camerino e dei due Istituti sono già ben strutturate e consolidate, ma con questo accordo vogliamo instaurare un rapporto di collaborazione molto più intenso. Vogliamo creare una filiera della didattica dalla scuola superiore all’università e all’azienda, in modo che gli studenti possano conoscere al meglio l’ateneo e scegliere con consapevolezza il percorso che vorranno intraprendere». Così il rettore Claudio Pettinari ha commentato il rinnovato accordo tra l’Università di Camerino, i licei e l’istituto tecnico «Antinori».

Una convenzione arrivata al decimo anno, che definisce e regola le attività realizzate nell’ambito dell’orientamento, della formazione, dell’approfondimento e dell’acquisizione di crediti formativi. La firma è stata preceduta da un seminario tenuto dalla professoressa Valeria Polzonetti, delegato del rettore per l’Orientamento, e dai professori Gabriella Gabrielli, Daniele Tomassoni e Consuelo Amantini che hanno illustrato i progetti che l’ateneo propone nell’ambito dei percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento, percorsi che hanno sostituito quelli di alternanza scuola-lavoro e che costituiscono una
modalità didattica nuova per arricchire la formazione nei percorsi scolastici e per realizzare un organico collegamento tra istituzioni scolastiche e mondo del lavoro e delle professioni.

Durante la firma della convenzione il rettore ha sottolineato l’importanza di tornare al più presto con le lezioni in presenza. «La didattica è interattiva, è scambio di idee, di opinioni, domande e risposte, è formazione continua – ha precisato il rettore -, qualcosa che consente anche allo stesso docente di tornare indietro, spiegare nuovamente e capire se l’argomento è stato centrato. Tutto questo si è perso in questo periodo».

Una linea condivisa anche dal dirigente scolastico, Francesco Rosati. «Questa collaborazione ha dato importanti frutti – ha spiegato -. Da quando abbiamo avviato la collaborazione, abbiamo beneficiato di approfondimenti curricolari nell’ambito delle discipline di indirizzo dei nostri due istituti, così come di una fitta serie di seminari e laboratori tenuti dai docenti Unicam, che hanno costituito un importante momento di formazione anche per i nostri professori. Per quanto riguarda l’ambito dell’orientamento, poi, la sinergia è estremamente importante perché consente ai nostri studenti di effettuare una scelta consapevole del percorso universitario».