Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Calzaturiero, Piervincenzi (Confindustria Macerata): «Occorre un piano per il rilancio»

Le Marche rappresentano un terzo della produzione nazionale. Parla il presidente della Sezione dell'Associazione degli industriali che lancia un appello

Matteo Piervincenzi, presidente della Sezione Calzature di Confindustria Macerata

MACERATA – Per il settore del calzaturiero gli ultimi dati parlano di una perdita di fatturato nel 2020 fra il 30% ed il 60% in un comparto fortemente concentrato qui nelle Marche e che conta 30.000 addetti nelle calzature e pelletterie e 10.000 addetti nel tessile/abbigliamento.
«Le aspettative di ripartenza di fine 2020 e inizio 2021 sono state  ampiamente disattese dalla ripresa della pandemia con la permanenza del blocco di ogni attività commerciale e fieristica. C’è da sottolineare poi che già si notano cambiamenti strutturali nelle dinamiche dei consumi», spiega Matteo Piervincenzi, presidente della Sezione Calzature di Confindustria Macerata. Che lancia un appello per sostenere e rivitalizzare un settore che con la pandemia ha visto precipitare la situazione.

Quello che sta attraversando il Calzaturiero è un momento delicato e sul comparto gravano le conseguenze negative del sisma del 2016 e della crisi del sistema creditizio locale. Dice Piervincenzi: «Interventi legislativi come il “Decreto Sud” di certo poi penalizzano la competitività delle nostre imprese rispetto ad esempio a quelle campane o pugliesi. Evidenzio inoltre con sincero stupore come la recente legge di Bilancio 2021 (all’art. 1, commi 157  e 158) ponga una particolare attenzione per il settore tessile biellese senza fare menzione alcuna di distretti analoghi in medesime difficoltà. Ricordo che le Marche rappresentano un terzo della produzione nazionale di calzature  con  una propensione all’export superiore all’80%».

Da qui l’appello: «Ribadisco quindi l’estrema urgenza di avviare un piano organico e condiviso di rilancio del settore calzaturiero che protegga e valorizzi le competenze del comparto, ricorrendo anche alle opportunità che l’economia digitale ci offre, per dare nuova “linfa” ad un distretto con tante potenzialità ancora da esprimere e per contrastare il progressivo declino dell’intera economia regionale. Non possiamo permetterci la disgregazione di una realtà, che rappresenta, con le sue filiere e per lo specifico know how, il fiore all’occhiello dell’impresa manifatturiera marchigiana e del Made in Italy nazionale. Un  percorso da attivare rapidamente, attingendo anche dalle risorse del Recovery Fund, che secondo noi deve prevedere interventi immediati e di medio periodo”, spiega.

Ed elenca i passaggi da mettere in atto:
– sostegni concreti e veloci alle imprese di fronte al prolungamento della crisi degli acquisti (il mercato è fermo, i negozi sono pieni di merce e anche la prossima stagione è già compromessa); 
– potenziamento e proroga dei benefici nell’ambito della dichiarazione di “Crisi Complessa” con l’inserimento di  interventi  realmente idonei per le PMI ad affrontare questo momento; 
– rifinanziamento delle misure SIMEST anche per il 2021 con particolare attenzione alle PMI;
– potenziamento dei contributi CCIAA per le attività promozionali e fieristiche realizzate anche in forma digitale; 
– sostegni alla crescita digitale sia organizzativa che commerciale con la previsione di  idonei interventi di affiancamento tramite voucher per le Pmi; 
– sostegno per  favorire la crescita dimensionale attraverso aggregazioni e fusioni, in accordo con gli Istituti di credito; 
– tutela del lavoro e delle competenze specialistiche del distretto calzaturiero marchigiano attraverso la riduzione di oneri, l’attivazione di meccanismi incentivanti e di misure di affiancamento e formazione; 
– valorizzazione e promozione dell’area distrettuale e delle sue specifiche competenze ed eccellenze produttive, culturali, turistiche, attraverso un piano di marketing territoriale come ad esempio il progetto “Shoes Valley” sviluppato con successo in altri distretti (E.Romagna, Veneto e Toscana) e  finalizzato ad attrarre sul nostro territorio buyer, investitori, turisti, consumatori; 
– creazione di una piattaforma territoriale – logistica per il sistema Calzature Moda per favorire l’accesso ai mercati da parte delle Pmi.
 
«Un rilancio che non può comunque non contemplare anche una riorganizzazione delle infrastrutture da sempre carenti nella nostra Regione. È chiaro che per attuare queste proposte occorre un lavoro di squadra che coinvolga tutti gli attori del territorio, il presidente della Regione Acquaroli con la Giunta, le istituzioni, gli enti, i rappresentati sindacali, le associazioni di categoria, le università. Siamo disponibili al confronto per definire insieme programmi e priorità».

© riproduzione riservata