Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Tolentino, derby da urlo. «Una domenica perfetta ma ora attenzione»

Affondata al Della Vittoria con un 3-1 la Recanatese, formazione cremisi al sesto risultato utile consecutivo e vicini alla fatidica soglia dei 40 punti. «Le scelte ci hanno premiato ma ora c'è da continuare»

Minnozzi
L'attaccante Minnozzi del Tolentino

«Una domenica perfetta: l’aria del derby in campo e sugli spalti, una bella giornata di sport e, per noi, anche la ciliegina sulla torta del risultato finale». Il Tolentino, per bocca del direttore sportivo Giorgio Crocetti, si gode il momento magico: per ottenere il sesto risultato utile consecutivo di questo suo girone di ritorno la formazione cremisi ha “scelto” il bersaglio grosso, superando per 3-1 al Della Vittoria una big come la Recanatese.

«Sapevamo- dice Crocetti- che contro un avversario come questo sarebbe servita la partita perfetta. E che non sulle individualità ma su una bella prova collettiva avremmo dovuto puntare. Ed è quanto avvenuto: abbiamo messo in campo una prova perfetta». E questo nonostante l’incertezza di una settimana che, causa l’emergenza Coronavirus, aveva visto inizialmente rinviata la gara il giovedì mattina e ripristinata il giorno dopo. «Sì, una situazione molto particolare, specie per l’accavallarsi di notizie che si sono rincorse. Ma per quanto ci riguarda ci siamo comunque comportati e allenati come se fossimo sicuri che si sarebbe comunque giocato. Per farci trovare pronti ad ogni decisione».

La striscia positiva ha portato il Tolentino alla metà esatta della classifica, molto vicino alla fatidica quota salvezza dei 40 punti. «Ma ne mancano ancora 4- stempera Crocetti- e sappiamo tutti come è il calcio. Bisogna prima farli, perché ora è un momento in cui tutto sembra girare per il verso giusto ma non ci si può cullare su quanto fatto fino ad adesso».

Se l’aspettava il Tolentino un ritorno così? «Aspettarselo no. Sapevamo di aver fatto delle scelte che confidavamo avrebbero potuto far andare meglio le cose ma non potevamo esserne sicuri. Alla prova dei fatti poteva andar bene o male, buon per noi che le decisioni prese ci abbiano effettivamente permesso di migliorare la nostra situazione».