Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Matelica, finalmente la vetta. Colavitto: «Ora viene il bello»

Con il netto successo nel derby sul fanalino di coda Jesina, agganciata in testa la S.N. Notaresco. «Secondo me fino alla fine lotteremo e i giochi sono aperti per tutte» dice il tecnico

Il Mister della nuova capolista Matelica Gianluca Colavitto

Operazione aggancio finalmente riuscita: il Matelica stritola nel derby il fanalino di coda Jesina (3-0) e, al suo quattordicesimo risultato utile consecutivo, approfitta del nuovo stop dell’ex schiacciasassi S.N. Notaresco (un solo punto nelle ultime tre partite), battuto 2-1 dal Porto Sant’Elpidio, per raggiungerlo in testa alla classifica. E ora ancora di più la formazione biancorossa può credere alla serie C.

Matelica- Jesina (foto da pagina Fb S.S. Matelica)

«Siamo consapevoli di aver fatto un percorso importante fino adesso- commenta il tecnico del Matelica, Gianluca Colavitto, il coronamento della rincorsa- però quanto fatto è tanto ma non è ancora sufficiente. Con nove partite da giocare ci sono ancora in palio 27 punti».

Nel prossimo turno di domenica 1 marzo, eventuali rinvii permettendo, Matelica ospite del Vastogirardi, S.N. Notaresco in casa con la Vastese. «La partita di domenica è importante ma non determinante ai fini del risultato conclusivo- dice Colavitto– anche se l’interpretazione che diamo di ogni gara è come se affrontassimo una finale. Perché solo così si può trarre il massimo dai ragazzi, da ogni appuntamento e da ogni prestazione».

In classifica Matelica e S.N. Notaresco (che si affronteranno nello scontro diretto in Abruzzo il 22 marzo) sono appaiati a 52 punti, seguono a meno tre il Campobasso vittorioso a Montegiorgio (0-1) e a meno 4 la Recanatese che ha battuto 3-2 il Chieti.

«Secondo me fino alla fine lotteremo e i giochi sono aperti per tutte, non solo il Matelica- dice Colavitto- ora viene il bello per il Matelica, nel senso che non bisogna accontentarsi, anzi cercare di trarre il massimo da questa partita con il Vastogirardi che è una prima di nove finali. Una partita come al solito tosta e difficile, si affrontano sempre squadre che hanno bisogno di punti e di tirarsi fuori dalla loro situazione».