Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

Aveva rapinato un supermercato di Porto Recanati, arrestato 32enne

Il fatto era accaduto la sera del 16 dicembre, quando, armato di coltello e incappucciato, il giovane ha colpito presso il "Si con te" di via XXV marzo 1935. Il bottino intascato dal malvivente ammontava a 1600 euro

MACERATA- È finito in manette il rapinatore che, la sera del 16 dicembre, armato di coltello e incappucciato, ha colpito presso il supermercato “Si con te” di via XXV marzo 1935 a Porto Recanati. Il bottino intascato dal malvivente ammontava a 1600 euro.

Un’operazione conclusa con un arresto quella dei carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Civitanova Marche, insieme ai colleghi della stazione di Porto Recanati.

La fuga del rapinatore, G.M., 32enne fermano, e del suo complice. era stata interrotta da un corriere che aveva assistito all’episodio e ha avuto la prontezza di bloccare con il proprio furgone il veicolo dei due malviventi, costringendoli a scendere e continuare a piedi. Uno dei due è stato rintracciato e arrestato subito dai militari della Stazione Carabinieri di Porto Recanati, mentre l’altro ha fatto perdere le proprie tracce.

Le indagini subito attivate hanno consentito di raccogliere plurimi, univoci e concordanti indizi di reità, soprattutto attraverso l’acquisizione delle immagini dell’impianto di videosorveglianza del negozio e le testimonianze dei presenti, tanto che il Sostituto Procuratore della Repubblica dottoressa Rosanna Buccini, condividendo le risultanze degli investigatori e tenuto conto delle modalità esecutive e le gravi circostanze della condotta delittuosa, aveva avanzato richiesta di applicazione di misura cautelare della custodia in carcere, naturalmente accolta dal Giudice per le Indagini Preliminari dottor Claudio Bonifazi.

Ci sono voluti diversi giorni di serrate ricerche, osservazioni e pedinamenti dei carabinieri per rintracciare definitivamente a Porto Sant’Elpidio nella serata di ieri G.M., trentaduenne fermano, tratto in arresto e ristretto presso il carcere di Ancona Montacuto in attesa dell’interrogatorio di garanzia, gravemente indiziato quale autore materiale della rapina.