Centro Pagina - cronaca e attualità

Macerata

AATO3 una campagna per risparmiare l’acqua: Comuni e territori preoccupati della situazione delle precipitazioni

«Criticità, comuni come Morrovalle hanno emesso ordinanze per evitare sprechi». Ancora non si è in emergenza ma in alcune zone si consultano le previsioni: Appignano, Treia, Cingoli, Apiro, Camerino, Pievetorina, Macereto

Moltissime persone considerano ancora l’acqua un bene inesauribile senza percepirne le conseguenze di un consumo irresponsabile. I cambiamenti climatici e l’irregolarità dei deflussi hanno fortemente ridotto la disponibilità di acqua specialmente nel periodo estivo. In particolare durante le ultime settimane nell’AATO 3 Macerata le precipitazioni sono state praticamente assenti, da cui consegue un concreto rischio di diminuzione della disponibilità della risorsa.

Al fine di scongiurare situazioni di emergenza, la collettività locale è chiamata ad adottare comportamenti responsabili al fine di preservare la risorsa idrica ed evitare possibili razionamenti del servizio.

Le raccomandazioni anti spreco di acqua

Chiudere sempre il rubinetto quando non si utilizza l’acqua, preferire la doccia al bagno, evitare di lavare l’auto o di innaffiare eccessivamente i giardini, utilizzare il ciclo economico degli elettrodomestici: sono piccoli gesti da cui però conseguono grandi benefici per il territorio e per le persone. Occorre in sostanza utilizzare l’acqua solo quando strettamente necessario e per gli usi realmente indispensabili, evitando gli sprechi.

Un consumo diffuso, irresponsabile e poco attento della risorsa idrica accompagnato da un lungo periodo di assenza di piogge può concretamente compromettere la capacità di disporre di acqua durante l’intero arco della giornata, rendendo quindi necessari periodi di razionamento.

Per evitare situazioni di criticità o di vera e propria emergenza, l’AATO 3 Macerata, in collaborazione con le 6 società di gestione del servizio idrico integrato operanti nel territorio, ha avviato una campagna di sensibilizzazione denominata “Non c’è acqua da perdere” che prevede le seguenti attività:

  • Affissione di manifesti nei principali comuni dell’AATO 3 (stampa e affissione dei manifesti a cura delle aziende di gestione)
  • Divulgazione di spot radiofonici
  • Campagna social attraverso su Facebook, Instagram e altri canali comunicativi.

L’avvio della campagna comunicativa è previsto a partire dal 10 di luglio e si concluderà alla fine del mese di agosto. Come di consueto, contestualmente all’avvio del prossimo anno scolastico l’AATO 3 di Macerata sarà impegnata in una serie di iniziative rivolte al mondo scolastico tra cui un concorso a premi e una serie di lezioni interattive volte ad incentivare gli “adulti del futuro” a preservare la risorsa più importante di cui disponiamo: l’acqua.

Durante l’incontro il presidente dell’AATO3 Montemarani ha evidenziato come il risparmio dell’acqua è una necessità: «La situazione presenta alcune criticità – ha detto Montemarani – ed alcuni comuni come Morrovalle hanno emesso ordinanze per evitare sprechi. Come AATO3 facciamo questa campagna di sensibilizzazione, ma negli anni ci siamo fatti carico di campagne di sensibilizzazione nelle scuole con appositi programmi».

Per dissetare il territorio sono alla progettazione importanti infrastrutture come l’anello dei Sibillini ed il completamento della rete per l’acquedotto del Nera. Nel frattempo all’AATO3 si sta facendo di tutto per far fronte alla situazione andando ad aumentare i punti di captazione. Ancora non si è in emergenza, ma in alcune zone si consultano le previsioni del tempo: Appignano, Treia, Cingoli, Apiro e Camerino e la zona di Pievetorina e di Macereto e soprattutto per le attività agricole.

Per Fulvio Riccio, responsabile comunicazione dell’AATO3: «Sappiamo che il 50% dell’acqua potrebbe essere recuperata e che nella nostra provincia negli ultimi anni abbiamo recuperato molti sprechi, in percentuale siamo tra i primi territori in Italia. E quindi possiamo dire che le campagne di comunicazione servono allo scopo».