Centro Pagina - cronaca e attualità

Lifestyle

Festività esotiche per i marchigiani in vacanza

Sempre più persone scelgono mete asiatiche e africane per trascorrere il Capodanno alternativo. Tengono le crociere. E c'è anche chi parte dopo l'Epifania

vacanze, spiaggia

ANCONA – Natale con i propri cari, Capodanno ed Epifania in vacanza. Sempre più marchigiani si sono regalati un viaggio durante le festività di dicembre e gennaio. Reggono bene le capitali europee, e in generale le città d’arte, agevolmente raggiungibili grazie agli innumerevoli siti web di viaggio e alle comode rotte aeree, ma l’esotico continua ad attrarre notevolmente, con particolare riferimento alle spiagge incontaminate “da cartolina” (e da foto sui social). Svariate le persone che, anche quest’anno, visiteranno Asia, Africa o Stati Uniti. New York, ad esempio, resta in cima alle preferenze per la magia che sa donare a quanti la ammirano per la prima volta.

Ma c’è anche chi non vuole proprio saperne di traffico e asfalto. E allora si gode una bella crociera ai Caraibi o negli Emirati Arabi. Oppure, sale sul primo aereo diretto a Capo Verde, nelle celebri mete del mar Rosso, a Zanzibar, alle Maldive, in Egitto.

«Quest’anno – spiega Annunziata Gaetani di Conero Tour – abbiamo avuto diverse richieste anche per India, Nepal e Birmania. La tendenza è analoga a quella registrata a cavallo fra il 2018 e il 2019. Diverse persone hanno trascorso il Natale in vacanza, ma sono molte di più quelle che opteranno per il Capodanno e i giorni successivi, approfittando del ponte».
C’è poi chi ha meno vincoli professionali.

«Alcuni partono dopo l’Epifania per risparmiare qualcosa – evidenziano ancora dalla Conero Tour -. Si riesce a ridurre il costo complessivo anche del 30% se si anticipa, o si posticipa, la vacanza».

Quest’anno, secondo il sondaggio di Confesercenti Swg, sono oltre 19 milioni gli italiani che si sono concessi una vacanza tra Natale, Capodanno e l’Epifania, oltre 1,3 milioni di persone in più rispetto allo scorso anno. In diminuzione la spesa: budget medio di 684 euro a persona, contro i 734 euro del 2018, per un giro d’affari complessivo che supera i 13 miliardi di euro.

Non manca, fra le preferenze, la montagna. Il Trentino Alto Adige è la meta prediletta per le sue località innevate e i servizi all’avanguardia.