A Pesaro il concorso culinario ispirato a Gioachino Rossini

Venti studenti e docenti, provenienti da cinque istituti professionali alberghieri, si sfideranno venerdì 10 maggio nell'atto finale del concorso dedicato al grande compositore pesarese e alla sua passione per il buon cibo

Gioachino Rossini Grand Gourmet
Sfidanti, giuria e docenti del concorso "Gioachino Rossini Grand Gourmet"

PESARO – Venti studenti e docenti venerdì 10 maggio si sfideranno nella gara di gusto “Gioachino Rossini Grand Gourmet”, il concorso nazionale per gli istituti professionali alberghieri, alla sua seconda edizione. Dalle 8.30, nella sede del Santa Marta di Pesaro, creeranno piatti ispirati al compositore pesarese e alla sua passione per il buon cibo.

Nata da un’idea del comitato “La cucina di Gioachino Rossini – Rossini Gourmet”, l’iniziativa coinvolge gli alberghieri d’Italia nello studio, nella valorizzazione e nell’interpretazione del lato gourmand di Rossini.

«Quando è nata, questa iniziativa si era posta un duplice importante obiettivo: trasformare il concorso in appuntamento fisso nella proposta formativa degli istituti alberghieri e rendere onore alla passione e all’attitudine del nostro celebre concittadino per la grande cucina» ha detto Daniele Vimini, vice sindaco e assessore alla Bellezza e Vivacità di Pesaro. «La sfida di venerdì permetterà agli studenti di conoscere Pesaro, i luoghi in cui è nato ed è cresciuto Rossini, raccontare il suo amore per il buon cibo e trasformare in giovani ambasciatori del lato “gourmand” del compositore gli aspiranti chef di tutta Italia».

Il concorso ha coinvolto, nelle fasi preparatorie, gli studenti delle classi quarte e quinte delle scuole di tutta Italia che hanno presentato le loro ricette – un antipasto, un primo o un secondo – prendendo a prestito gli ingredienti preferiti da Rossini: pesce di mare, uova, broccoli, funghi, tartufo, foie gras, filetto di manzo, salumi, tartufo e vino.
Delle ricette arrivate nella sede del comitato “La Cucina di Gioachino Rossini – Rossini Gourmet” entro il mese di febbraio 2019, sono state selezionate quelle proposte dai cinque istituti di Casalecchio di Reno (Bologna), Cingoli (Macerata), Bari, Riccione, Agrigento.

Durante il giorno della sfida finale, dalle 8.30 alle 11.30 gli studenti realizzeranno ciascun piatto, quindi dalle 12 alle 14 li presenteranno e racconteranno il procedimento di preparazione, l’abbinamento con il vino scelto e con le musiche di Rossini selezionate.
A valutare la performance degli allievi di cucina e sala sarà la giuria composta da professionisti del settore e autorità, che misurerà i piatti per originalità, difficoltà, presentazione, gusto, organizzazione della postazione di lavoro e il personale di sala per la corretta esposizione della ricetta e per la scelta e presentazione del vino. Al termine è previsto il pranzo e la proclamazione del miglior piatto.

Gli alunni vincitori si aggiudicheranno il titolo di “Gioachino Rossini Grand Gourmet” e avranno l’opportunità di svolgere uno stage in strutture altamente qualificate mentre il loro istituto riceverà un’attrezzatura da laboratorio di cucina o di sala.
Lo scorso anno ha vinto il piatto “Faraona tartufata in due cotture” di Alessio Tonti (chef) e Martina Pesaresi (in sala) dell’istituto “Einstein” di Loreto.

Il concorso vede il sostegno del Comune di Pesaro, dell’Istituto Professionale di Stato per i servizi per l’Enogastronomia e l’ospitalità alberghiera “Santa Marta” di Pesaro, della Federazione Italiana Cuochi Pesaro e Urbino e della Rete delle Scuole di Pesaro.